Microsoft nel mirino dell’antitrust

Workspace

Non sono finiti i problemi per Microsoft, che questa settimana torna davanti a un tribunale federale per un’altra questione legata all’antitrust.

Alla base della questione in realtà c’è la controversia tra PeopleSoft e Oracle. Secondo gli analisti, la proposta di acquisizione di PeopleSoft da parte di Oracle potrebbe creare grosse difficoltà al mercato dei software, in quanto ci si troverebbe in condizioni di un comparto chiuso, dove i colossi in campo di fatto impediscono la concorrenza. Necessario quindi capire quali sono le intenzioni di Microsoft e se le sue strategie lasciano spazio alla libera competizione nel settore dei software. Per Oracle, proprio le recenti indiscrezioni che hanno rivelato l’interesse passato verso Sap di Microsoft, metterebbero in evidenza la naturale concorrenza presente nel comparto. Gli scettici in proposito sono molti. Per i giudici federali è una ennesima patata bollente: devono capire meglio cosa sta succedendo e garantire di conseguenza la libera concorrenza. Pur tra colossi del software.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore