Microsoft non ha fretta di integrare Yahoo e fa luce su Windows Live

Aziende

Ray Ozzie di Microsoft, il successore di Bill Gates da metà anno, non vuole spingere su sinergie frettolose. Nel frattempo spiega nel dettaglio la piattaforma online nata per contrastare la strategia Saas di Google

Microsoft non ha fretta di integrare Yahoo. Lo afferma Ray Ozzie di Microsoft, il successore di Bill Gates nel ruolo di Chief software architect da metà anno.

Il Financial Times riporta che Ray Ozzie non ha intenzione di spingere su sinergie frettolose, ma è ottimista sul fatto che l’Opa multi miliardaria su Yahoo

vada in porto.

Nel frattempo Ray Ozzie si dilunga a spiegare la piattaforma Windows Live, nata per contrastare la strategia Saas di Google e svela la visione Software più

servizi

secondo Microsoft. Il colosso del software vuole sommare entertainment mesh e connected productivity: paragonando un Pc ai servizi Live, l’hardware è rappresentato dal Datacenter server, il Kernel da Windows Live Storage e dai servizi di networking, i servizi di comunicazione dai servizi di Identity, directory, permessi e storage, compreso SQL Server Data Services,Win32 layer da Live API, infine i servizi utenti sono rappresentati da Windows Live service, che spaziano da Windows Live Messaging a Windows Live SkyDrive.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore