Microsoft perde quote di mercato nel Wi-Fi

MobilityNetworkWlan

Microsoft ha deciso di attendere a rilasciare dispositivi di connessione Wi-Fi di classe g.

A gennaio, Microsoft aveva conquistato il secondo posto nelle vendite di dispositivi di rete wireless Wi-Fi, per scendere al quarto posto a febbraio, secondo NPDTechworld. La società di ricerche di mercato di riferisce alle vendite al dettaglio, che rappresentano il grosso delle vendite dei dispositivi di rete wireless. Considerato che Microsoft è entrata nel mercato del Wi-Fi a settembre 2002, la rapida conquista del mercato è stata impressionante, ha affermato Stephen Baker, analista NPDTechworld. Microsoft ha deciso di posticipare il rilascio di prodotti 802.11g fino alla ratifica ufficiale dello standard. Ma il mercato dei dispositivi Wi-Fi di questa categoria si è già affermato, a spese di Microsoft. La tecnologia di connessione wireless Wi-Fi si basa sugli standard 802.11b, 802.11a e, entro la metà del 2003, 802.11g. Lo standard b, che ha una velocità di banda di 11 megabit al secondo, è il più venduto per i notebook. Invece, l802.11a e l802.11g sono in grado di trasmettere dati alla velocità di 54 megabit al secondo. Microsoft ha stabilito di annunciare che rilascerà prodotto basati su 802.11g nella seconda metà di questanno, quando lo standard g sarà definitivamente ratificato dallInstitute for Electrical and Electronics Engineers e la sua interoperabilità sarà approvata dalla Wi-Fi Alliance. Il fatto che Microsoft non rilasci prodotti g prima dellapprovazione finale dello standard sembra essere una mossa prudente ha sostenuto Baker. Microsoft sostiene che la specifica 802.11g è ancora in fase di test e la Wi-Fi Alliance non ha ancora approvato la specifica assicurando la compatibilità dei prodotti 802.11g con gli attuali 802.11b. I consumatori che acquistano prodotti basati su specifiche ancora in fase di sperimentazioni non hanno garanzie i loro prodotti potrebbero diventare obsoleti dopo pochi mesi ha detto Todd Greenberg, product manager per la connessione a banda larga di Microsoft. Nei primi prodotti basati sull802.11g si sono riscontrati alcuni problemi di interoperabilità con prodotti basati sull802.11b, fatto che ha portato produttori come Microsoft e Hewlett-Packard a evitare di proporre prodotti basati su una specifica incompleta. Altri, invece, come il leader del mercato Linksys, hanno scelto di rischiare pur di conquistare fette di mercato, e dopo alcuni problemi iniziali con i loro prodotti 802.11g, sembra il rischio sia stato ripagato. A gennaio, in termini di profitti in dollari statunitensi, Microsoft deteneva una buona posizione, avendo superato NetGear e D-Link nelle vendite negli Stati Uniti. Linksys era in cima alla classifica, con il 51% del mercato, seguito da Microsoft con il 13,5%, e NetGear e D-Link a pari con il 12,5%, secondo le stime di NPD Intelect. Per quel che riguarda le vendite unitarie, Microsoft aveva conquistato il secondo posto, totalizzando il 13% del mercato, subito dopo Linksys con il 49,6%. NetGear seguiva con il 12,5%, poi D-Link con il 12% e Belkin con il 5,7%. Ma il mese successivo, la fortuna di Microsoft ha subito uninversione la compagnia è scesa al quarto posto, sia in termini di profitti che di unità vendute, secondo NPDTechworld. Nel primo mese di disponibilità, i prodotti 802.11g hanno totalizzato il 5% del mercato. Insieme, i prodotti 802.11 a/b e 802.11g hanno conquistato il 10% delle vendite. A febbraio, i prodotti multibanda 802.11 a/b e 802.11g hanno totalizzato il 15% del mercato.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore