Microsoft porta Adobe nel suo programma di sicurezza Mapp

MarketingSicurezzaSoluzioni per la sicurezza

A Black Hat Microsoft offre un ombrello di protezione a Adobe. Microsoft ha rilasciato anche una nuova beta di Microsoft Security Essential e un report sulla sicurezza

A Black Hat Microsoft ha rivelato un’alleanza con Adobe, entrata nel suo programma di sicurezza Mapp (Microsoft Active Protections Program). Si tratta di una chiamata alla cooperazione (call for cooperation) nell’ambito del pubblico dibattito sulla pratica della rivelazione responsabile delle falle: anche ad Adobe potranno essere notificate le vulnerabilità prima del rilascio pubblico delle informazioni, una filosofia agli antipodi rispetto al “full disclosure”.

Google e Microsoft sono ai ferri corti su questo tema, dopo che Google ha rivelato pubblicamente una falla (a rischio exploit), ma Google ha negato di aver praticato una “rivelazione irresponsabile”: Google vuole smettere di chiamarla filosofia della “responsible disclosure”.

Microsoft ha allora tirato fuori un nuovo termine: coordinated vulnerability disclosure (CVD).

Intanto Microsoft ha rilasciato una nuova beta di Microsoft Security Essential, ha annunciato per agosto Enhanced Mitigation Experience Toolkit (EMET), e sta rilasciando Microsoft vulnerability research (MSVR) paper e un report intitolato: Building a Safer, More Trusted Internet Through Information Sharing.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore