Microsoft potrebbe ristrutturare il marketing

AziendeMarketing
Steve Ballmer, Ceo di Microsoft

Microsoft sta pianificando una ristrutturazione nel settore del marketing, forse accompagnata da centinaia di tagli

Microsoft potrebbe tagliare centinaia di posti nel marketing. Per Microsoft è giunto il momento della verità, dopo aver speso 13.9 miliardi di dollari (fra vendite e marketing nel 2011, in crescita del 5,5%). Sono stati 25.000 i dipendenti dedicati a queste mansioni sui 90 mila totali, ma il Ceo Steve Ballmer ritiene che Microsoft non abbia un grande ritorno rispetto a quanto investe nel marketing, a differenza di Apple e Google.

La situazione è delicata. Il mercato Pc nel quarto trimestre ha registrato un calo dell’1,4%. E la concorrenza incalza: Google ha appena siglato il primo grande contratto aziendale con Banco Bilbao Vizcaya Argentaria – la banca spagnola Bbva, mentre Apple ha messo a segno un incremento del 58% delle vendite di iPad e Mac alle imprese (report dell’altro ieri di Forrester); i rivali si stanno facendo largo nel mercato corporate, finora terreno privilegiato di Microsoft.

Il CES 2012 è stata una vetrina per Windows Phone: Microsoft ha incassato l’accordo con AT&T e il lancio di nuovi modelli di Nokia (Lumia 900) e HTC (Titan 2). Nella seconda metà del 2012 arriverà Windows 8, mentre Microsoft e Intel scommettono sugli ultrabook, i notebook ultrasottili e con accensione rapida.

In questo clima, Microsoft sta pianificando una ristrutturazione nel settore del marketing, secondo Bloomberg, forse accompagnata da centinaia di tagli. Nulla è ancora deciso: la revisione di Chris Capossela potrebbe anche decidere spostamenti ed eliminare duplicazioni, rendendo il marketing più efficace.

Steve Ballmer, Ceo di Microsoft
Steve Ballmer, Ceo di Microsoft
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore