Microsoft promette che non farà causa a chi usa Mono

Workspace

Con una mossa Microsoft risponde indirettamente alle accuse di Richard Stallman: Mono non sarà un cavallo di Troia per mettere Linux nei guai

Richard Stalman ha da poco spiegato perchè il software libero non deve fidarsi di Mono e del linguaggio di programmazione Microsoft. Tuttavia con una mossa Microsoft risponde indirettamente alle accuse di Richard Stallman: il linguaggio di programmazione C# si sposta sotto “Community Promise , per non fare causa a chi lo usa per violazione brevetto, e Mono sotto licenza CLI (Common Language Infrastructure) .

Novell crede che la promessa di Microsoft possa assicurare un futuro luminoso a Mono.

Mono è un set di tool compatibili con .Net, adatti a creare applicazioni basate sul linguaggio di programmazione C# di Microsoft, per girare su piattaforme come Linux, BSD, Unix, Mac OS X e Solaris. Un numero di applicazioni popolari, come Tomboy e il fotomanager F-Spot, dependono da Mono. Anche Debian ha detto di aver preso in esame Mono. come installazione di default.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore