Microsoft pronto ad offrire i suoi telefoni VoIP

Mobility

Ma è già indietro: Nokia, che fornisce prodotti all’operatore mobile 3, con
il suo telefono N73 già incorpora il supporto per Skype

TAGLIATO FUORI dal mercato di Skype, il colosso di Redmond ha deciso di realizzare il proprio hardware per trarre vantaggio dalla telefonia VoIP attraverso Internet. Una di queste periferiche , la Microsoft Roundtable (già precedentemente conosciuta come RingCam), era stata presentata nel 2006. Oggi sembra che Roundtable farà parte di una più ampia suite di prodotti destinati alla telefonia. Gli altri oggetti saranno rappresentati da una cuffia di base e da un software di telefonia insieme a un apparecchio telefonico con uno schermo a colori da 5,24? di tipo touch screen. Secondo quanto riferisce il Sunday Telegraph, almeno uno di questi oggetti sarà disponibile da lunedì 26 marzo. Dovrebbe essere un softphone di base che comprenderà una piccola antenna USB accoppiata con una cuffia che, probabilmente, sarà compatibile Bluetooth. Il giornale riporta una dichiarazione di Gurdeep Singh Pall in cui si riferisce che il software sarà così innovativo che nessuno dei fornitori di hardware convenzionali potrà confrontarsi con esso. Più probabilmente è vero il fatto che Microsoft è ansiosa di contrastare il suo più potente rivale in questo campo, vale a dire il software Skype. Microsoft comunque è già rimasta indietro. Esistono numerosi esempi di produttori di hardware indipendenti che forniscono prodotti compatibili con Skype. Tra questi ricordiamo Nokia, che fornisce prodotti all’operatore mobile 3, e con il suo telefono N73 già incorpora il supporto per Skype. Con la cuffia di base, l’approccio più logico per Microsoft è quello di usare un collegamento Bluetooth. La società britannica Rok ha già introdotto il proprio software VoIP, chiamato Viper, che utilizza connessioni Bluetooth per collegamenti voce. Sfortunatamente non siamo mai riusciti ad avere a disposizione questo prodotto da provare. Fornendo direttamente il proprio hardware, in forma di accessorio per PC, Microsoft supererebbe il problema di dover ottenere la compatibilità con cuffie Bluetooth di produttori diversi. La passione di Microsoft per la videoconferenza è curiosamente forte. Afferma che Roundtable costerà “solo” $ 3000 a confronto dei $ 20.000 di una suite professionale per videoconferenza. Intel ha già tentato in passato una strada simile, con una scheda per videoconferenza che utilizzava linee ISDN per la connessione. Di questo prodotto si è perduta ogni traccia. Sarà comunque interessante vedere quanto effettivamente costerà il telefono da desktop. Una apparecchiatura di basso costo potrebbe ottenere un certo successo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore