ANTEPRIMA: Microsoft reinventa Windows con Windows 8

AziendeDispositivi mobiliMobilitySistemi OperativiWorkspace
Metro su Windows 8

Dopo aver venduto 450 milioni di copie di Windows 7, che ha avuto un feedback superiore all’amato Windows Xp, e con 542 milioni di utenti dei servizi Windows Live, Stephen Sinofsky, President Windows and Windows Live Division, ha aperto la Build Conference dedicata agli sviluppatori di Microsoft. Protagonista assoluto: Windows 8, il sistema operativo con cui Microsoft “reinventa” Windows ed entra nell’era dei tablet multitouch, aprendo ai chip Arm, Nvidia, Qualcomm (oltre ai processori Intel ed Arm).

Vediamo le prime schermate e le caratteristiche dell’erede di Seven, definito da Sinofsky una nuova opportunità: “Windows 8 è una chance per gli sviluppatori, siamo solo all’inizio di Windows 8, il principio di un’avventura“.

[caption id="attachment_53752" align="alignnone" width="320" caption="La prima schermata di Windows 8 alla Build"]La prima schermata di Windows 8 alla Build[/caption]

Tutto quello che gira su Windows 7 gira su Windows 8,  e su Windows 8 sarà disponibile Internet Explorer 10.

IE10 e Bing su Windows 8
IE10 e Bing su Windows 8

Windows 8 guarda ai tablet. Lo spirito da cui nasce Windows 8 emerge della parole di Julie Larson Green Corporate Vice President di Windows: “I nuovi form factor hanno generato nuovi scenari con i tablet che si usano non solo perché si portano sempre con sé, ma proprio in quanto servono anche mentre si è in movimento, e che funzionano grazie ad app che richiedono ampia disponibilità  di connettività, perché nel software sono intrinseci i servizi, Windows 8 è pronto così come è per declinarsi su tutti i device. Un unico ambiente, declinato per ogni tipologia di device“.

La tastiera su Windows 8
La tastiera su Windows 8

Jensen Harris, Partner Director del Program Management Windows Experience, illustra l’esperienza di Windows 8 e mostra la prima demo completa assoluta. Non a caso è riservata a Windows 8 proprio su un tablet, con uno Start screen tutto rinnovato con i Tiles (i tasselli in evidenza anche nelle capture) distribuiti, ricchi di informazioni integrate, che richiamano fortemente l’esperienza dei quadrettoni di Windows Phone. I Tiles sono sempre aggiornati con i dati che arrivano dalla rete. In questo ambiente il desktop si innesta a sua volta come una App. Non è Windows che si connette al Web, ma il mondo Web tutto dentro Windows.

La pagina iniziale di Windows 8 con i quadrettoni dei Tiles
La pagina iniziale di Windows 8 con i quadrettoni dei Tiles

Le gestire sono recepite in maniera fluida e basta sfiorare i Tiles per attivare le funzioni e, quando serve, le singole App lanciano il vecchio ‘desktop’. Anche dal notebook touchscreen, con cui prosegue in fase successiva la demo, la fluidità pare eccellente. I Tiles possono essere ridimensionati, raggruppati a piacere, e si spostano tra infinite diverse pagine in scroll orizzontale. Nella demo ciò avviene effettivamente senza soluzione di continuità  e con una fluidità notevole. Per visualizzare l’organizzazione di tutti i Tile si può zoomare  l’interfaccia in modo da rimpicciolirli per vederli tutti a colpo d’occhio, ma è anche possibile spostare i singoli gruppi o rinominarli comodamente con la tastiera touch che compare a video.

PhotoPicker su Windows 8
PhotoPicker su Windows 8

Al centro di Windows 8 ci sono le app cosiddette Metro Style, quelle scritte appositamente per Windows 8. Con queste apps Windows 8 dà  il meglio in termini di flessibilità di visualizzazione, anche per l’aggiornamento dei Tiles diretto tramite i feed, proprio come succede già sui quadrettoni di Windows Phone.

Lock Screen su Windows 8
Lock Screen su Windows 8

Nella demo replicata su un tablet con chip Arm, da destra spuntano il richiamo a una barra con i sistemi di controllo di Windows e il menu Start; la stessa barra si può richiamare anche in basso da sinistra e ora ha preso il nome di Charms. Quando si lancia un’app tradizionale, invece, come Photoshop, per modificare una foto, solo allora comparirà il vecchio Desktop che sembra esso stesso un’App. Ciò è possibile perché l’interfaccia Windows 8 consente oggettivamente di svolgere un gran numero di funzioni senza uscire da ‘Metro’ cui si viene riportati ogni volta dal menu Start. Quella richiamata è una barra, anch’essa in stile Windows Phone, uno stile che da ora ha il nome ufficiale di Metro Style.

Metro su un tablet Windows 8
Metro su un tablet Windows 8
Dì la tua in Vista dall’altoWindows 8, Metro e la Bauhaus
Charms su Windows 8
Charms su Windows 8

Il sistema sembra qualificarsi a vantaggio dell’utente consentendo piena interattività tra i contenuti disponibili e la possibilità di richiamarli velocemente. E’ un’interfaccia nel complesso decisamente immersiva. Da ogni indirizzo Web che si visita, per esempio, si può generare un nuovo Tab con lo stesso stile dei Tiles. Jensen Harris riassume: “Windows 8 ruota tutto intorno alle Apps, e permette di condividere con ancora meno passaggi i contenuti con gli amici“.

Altri esempi delle novità. Nell’interfaccia stile Tablet è stata rivista la funzione Search che si richiama dalla barra laterale e che visualizza in esploso tutte le App in cui esiste un file che corrisponde alla stringa di richiesta. Gli sviluppatori possono apprezzare che da lì basta richiamare anche una semplice stringa “Cmd” per vedere emergere l’app che riaprirà la vecchia finestra in bianco e nero.

Se si sfogliano le foto dalla nuova interfaccia si può accedere velocemente alla cartella del PC che le contiene, rimanendo nell’interfaccia Metro Style, lo sforzo di collegamento resta in pratica resta a carico della Clipboard.

Pannello di controllo su Windows 8
Pannello di controllo su Windows 8

Chris Jones, Corporate Vice President per Windows Live, focalizza la presentazione sui servizi cloud di Windows Live ma parte con la presentazione delle App per gestire posta, calendario e contatti.

Microsoft persiste con l’idea di portare su tablet e anche Pc con Windows 8 in Metro Style l‘interfaccia di un client email del tutto assimilabile a quello di Windows Phone, decisamente meno utilizzabile rispetto a quello di Outlook. Vale lo stesso per l’interfaccia Calendario e anche per la rubrica dei Contatti. Si spera però che l’integrazione delle funzioni complete di Outlook migliori con il tempo in questa UI, fino a completarsi.

L’insistenza a ri-dirottare l’utente dalle schermate a finestre a Windows emerge proprio quando si guarda in basso a sinistra. Dal desktop classico, basta premere start e invece di aprire il menu come si è sempre stati abituati, si torna all’interfaccia Metro.

Il Desktop di Windows 8
Il Desktop di Windows 8, in basso a sinistra il pulsante Start che riporta a Metro Style

In tema di foto viene esaltata la possibilità di collegare in modo veloce i propri scatti nella libreria locale, come, con pari dignità , sui siti di social network. Stando all’interno della stessa interfaccia Metro si possono inviare le foto da Sky Drive – per esempio – via email, e procedere con la stampa delle stesse. Confermata la piena integrazione sui servizi Live tra Windows Phone 7.5 e Windows 8.
In pratica Metro Style si impone su Mail, Photos, Calendar e Rubrica con le API di Metro per Sky Drive già disponibili.

Attraverso i pulsantoni Windows Explorer, Control panel e Desktop è facile accedere alle vecchie impostazioni e al desktop classico. Infine, quando si vuole procedere nella stampa o ci si collega un device, è possibile gestire la stampa e le funzioni e i parametri di collegamento stando all’interno della nuova interfaccia che si incarica di richiamare le informazioni dal sistema operativo e presentarle con Metro, senza passare dal Pannello di Controllo classico. Certo nel tempo è necessario che in Charms si completi la disponibilità di funzioni. Basta avviare la prima volta il sistema per accorgersi di alcune mancanze soprattutto quando il sistema richiama i servizi online, ma in fase di scelta di rete wifi non prevede ancora subito le autenticazioni da Metro.

Metro su Windows 8
Metro su Windows 8
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore