Microsoft risponde con 75 pagine alla Ue

Aziende

Spetta di nuovo alla Commissione europea verificare se le risposte sono adeguate

Microsoft ha deciso la linea dura nel braccio di ferro che la contrappone all’Unione europea e, per la scadenza del 15 febbraio, ha inviato un report di 75 pagine. Su Microsoft pende una multa di 2 milioni di euro al giorno: questa è la cifra che l’Unione europea potrebbe comminare se ritiene che Microsoft non stia fornendo adeguate risposte nel caso antitrust che si trascina dalla decisione del marzo 2004. Microsoft non ci sta a fare la parte di chi non ottempera alle decisioni Ue, e si sente ingiustamente condannata. Nelle 75 pagine di risposta Microsoft ha sottolineato che centinaia di dipendenti hanno lavorato per complessive 30mila ore per realizzare 12mila pagine di documentazione tecnica: inoltre aveva messo a disposizione 500 ore di supporto tecnico e deciso di aprire il proprio codice sorgente a chi avesse licenza di visionarlo, pur di obbedire alle decisioni della Commissione europea. Il botta e risposta, sempre meno diplomatico e sempre meno soft fra i due contendenti, ripassa alla Ue.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore