Microsoft sfida Google in due passaggi

Aziende

Microsoft prima punta ad acquisire solo gli asset legati alla ricerca online di Yahoo!, quindi a comprare Facebook e a integrarlo con Office Live

Microsoft sembra aver cambiato strategia: n on più un’Opa su tutta Yahoo! , ma solo un’acquisizione degli asset legati alla ricerca online di Yahoo! (anche se il finanziare Carl Icahn, che ha lanciato la proxy fight, non è di pare favorevole); in una seconda fase, l’ assalto a Facebook . Lo rivela Techmeme . Ciò spiegherebbe anche le schermaglie di Facebook contro Google sulla portabilità dei dati. In questa strategia, apparentemente molto flessibile, un punto fermo in realtà c’è: la partita a scacchi con Google, una partita che dura da circa tre anni e che Microsoft vuole archiviare in fretta, con una vittoria sull’avversario. Le indiscrezioni quindi sembrano impazzire, ma in realtà a Microsoft importa crescere nel Web search e impedire a Google di aumentare il distacco sulla ricerca online, magari facendo deragliare il progetto di Yahoo! di outsourcing dell’advertising legato alla ricerca proprio a favore di Google.

In quanto a Facebook, che reclama la sua indipendenza, il sito di social network non ha ipotesi di Ipo all’orizzonte e non è detto che il suo valore rimanga così alto a lungo (c’è chi dice che Facebook sia sopravvalutato ): Microsoft però è disposta a pagare fra i 15 e i 20 miliardi di dollari, pur di integrare Facebook con Office Live,

i profili di Facebook con Office e Outlook

. Sono solo speculazioni per ora, ma chissà domani.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore