Microsoft sperimenta HomeOs

ManagementMarketingSistemi OperativiWorkspace

La nostra casa ha bisogno di un sistema operativo (e di un App Store) nell’era dei dispositivi sempre connessi? Microsoft sta per togliere i veli a HomeOs

Microsoft Research sta lavorando a un nuovo progetto detto “HomeOS” , che offrirà un modo di isolare gli utenti meno (o non-)tecnici dalla massa eterogenea e spesso incompatibile di dispositivi che vorrebbero collegare in una rete casalinga.

La tecnologia sta invadendo le nostre casa con i tablet, le Internet Tv, smartphone e molto altro ancora. Lo studio intitolato “The Home Needs an Operating System (and an App Store)” (letterlamente: la casa ha bisogno di un sistema operativo (e di un App Store) emerge che HomeOs vuole rendere più intelligenti per i loro device e nelle modalità in cui questi dispositivi saranno connessi ed utilizzati.

I team del Networking and Systems e Networking presenteranno HomeOS a fine ottobre presso l’Association of Computing Machinery’s HotNets IX workshop a Monterey, in California. HomeOS (che potrebbe portare in dote un app store) è solo un esperimento, per giunta datato 2004. Secondo Mary Jo Foley, blogger di ZdNet esperta di Microsoft, HomeOS potrebbe essere legato alla futura strategia mobile del colosso di Redmond: il misterioso Menlo.

L’11 ottobre invece Microsoft dovrebbe lanciare Windows Phone 7, il nuovo sistema operativo mobile per smartphone.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore