Microsoft sposta la ricerca in Canada

Aziende

Contro i divieti del governo americano di reclutare i ricercatori stranieri,
il colosso di Redmond ha spostato la sezione R&D oltre confine

MICROSOFT NE HA abbastanza dei divieti del governo americano di reclutare i ricercatori stranieri di cui ha bisogno per la sua attività di ricerca e sviluppo, tanto che ha spostato la sezione oltre confine, in Canada. Un portavoce di Microsoft ha detto al canale di informazione CBC che in autunno l’azienda avvierà un centro di sviluppo software a Vancouver. Anche se Microsoft sta costruendo delle basi di ricerca a Boston e Bellevue, aveva bisogno di crearne un altra in Canada per inserire in azienda gli esperti in ricerca e sviluppo stranieri. Microsoft si è lamentata di non poter assumere personale altamente qualificato per problemi di immigrazione negli USA. L’ultima volta che gli Stati Uniti invasero il Canada, nel 1812, vennero energicamente respinti, per cui c’è da sperare che non ci riprovino. Altre informazioni le trovate qui .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore