Microsoft Surface Laptop e Surface Pro sono qui

LaptopMobility

Da oggi è possibile acquistare anche nel nostro Paese i nuovi Surface Laptop e Surface Pro. Punti di forza e perplessità sulla nuova offerta Microsoft che a listino resta molto cara

E’ finita la fase di preordine, da oggi è possibile acquistare direttamente sul sito Microsoft il tanto atteso Microsoft Surface Laptop e il nuovo Surface Pro (2017). Non arriva invece ancora, nel nostro Paese, la proposta Surface Studio, un all-in-one di razza, ma anche dai costi non propriamente alla portata di tutti.

Microsoft Surface Pro 2017 – fine della numerazione crescente a seconda dei modelli – è oggi un due-in-uno già più che conosciuto e il form factor è oramai maturo. Quest’ultima release non porta nulla di rivoluzionario. Arriva con il display da 12,3 pollici, schermo touch PixelSense, prezzo di ingresso di 959 per portarsi a casa però Intel core m3, per fortuna già con 128 Gbyte di memoria e 4 Gbyte di Ram, dati che servono prima di tutto ad allontanare la percezione di acquistare un semplice tablet con tastiera.

Tastiera che comunque, insieme a Surface Pen, andrà acquistata a parte, con un esborso minimo complessivo di più di 1200 euro. Ci sembra importante sottolineare che per 959 euro si acquista quindi un’esperienza “a metà”. E quella intera costa 300 euro in più. 

Microsoft Surface Pro
Microsoft Surface Pro

Sono disponibili configurazioni con storage interno fino a 1 TB e addirittura 16 Gbyte di Ram, con tutte le possibilità intermedie possibili, fino a raggiungere però un prezzo significativo di 3149 euro. A nostro avviso resta ancora oggi una follia spendere questa cifra per un device di questo tipo e non invece, se proprio deve essere, per un laptop che offra, comunque, molto di più. In ogni caso è chiaro come non sia questo un device ‘per tutti’, pur considerando la proposta sotto i mille euro. Resta ancora in offerta invece Surface Pro 4, ognuno può fare i suoi conti, considerato che in questo caso si spenderà poco più di 750 euro per il modello di ingresso. 

 Di Surface Pro 2017 va però menzionata la portabilità eccellente con un peso inferiore agli 800 grammi (senza tastiera), chassis tutto di metallo. Il display touch a 10 punti è di qualità con risoluzione 2736×1824 a 267 ppi e l’interazione sia con lo stilo Surface Pen sia con il nuovo Surface Dial . Per tutte le altre specifiche rimandiamo direttamente al sito Microsoft. E preferiamo concentrarci sulla proposta Microsoft Surface Laptop.

Microsoft Surface Laptop

Surface Laptop è una proposta allo stesso tempo intelligente, ma anche abbastanza furba. E’ intelligente perché viene proposto a circa 1160 euro (prezzo base) un vero laptop ultraportatile con display più ampio di Surface Pro (13,5″ risoluzione 2256×1504 e densità di 201 ppi) con Intel Core i5 di settima generazione, 128 Gbyte di storage SSD e 4 Gbyte di Ram. Il display è touch e consente ancora l’utilizzo di Surface Pen.

La portabilità è inferiore rispetto a Surface Pro, il peso sale a 1,25 Kg, ma lo chassis è ugualmente resistente, in alluminio, e l’oggetto è disponibile in diverse colorazioni. Le interfacce disponibili sono: oltre al tasto di accensione, USB 3.0 Type A, connettore cuffie/microfono, miniDisplayPort e SurfaceConnect (per alimentazione e dock).

Microsoft Surface Laptop_2
Microsoft Surface Laptop_2

Quali sono allora gli errori di Surface Laptop? Sostanzialmente sono due a nostro avviso: il primo è non averlo dotato di un’interfaccia USB Type-C: non vogliamo davvero credere che Microsoft sia convinta che quest’interfaccia non sia pronta per diventare mainstream, perché comunque si percepisce come Surface Laptop venga offerto con un’interfaccia, non superata, non vecchia, ma (e con buoni motivi) datata. La seconda osservazione è che è un vero peccato essere ricorsi “all’elegantissima tastiera rivestita in Alcantara”.

Chissà come sarà facile ripulire la tastiera dalle macchie di caffè così caro agli americani quando devono fare le loro demo sulle keyboard in grado di drenare i liquidi… E’ più probabile invece che una base di appoggio in metallo sarebbe costata decisamente di più, così come le relativa ingegnerizzazione dei tasti (come molto meglio è stato fatto su Surface Book), e quindi un form factor con la base in un unico blocco. La fattura sarà ottima, ma ci dirà solo il tempo anche la reale tenuta sui bordi di una scelta di questo tipo, che noi senza problemi non apprezziamo.

Così come avremmo desiderato senza dubbio la disponibilità di Surface Laptop subito con Windows 10 Pro, non certo con Windows 10 S e con l’upgrade a Windows 10 Pro eventualmente da eseguire per proprio conto (con tutti i rischi del caso). L’upgrade contrariamente a quanto sostiene qualche blog su Internet si pagherà una cinquantina di euro. Forse sarebbe stato intelligente consentire l’upgrade gratuito, magari almeno nei primi mesi di utilizzo, se non ci si trovasse a proprio agio. Il prezzo base di questo laptop è già un prezzo importante per limitare l’utilizzo del notebook solo alle app di Windows Store.

Curioso come a listino non sia prevista la soluzione con 1 TB di spazio disco. e ci si fermi a 512 Gbyte, mentre su Surface Pro (2-in-1) si sia assicurato anche il disco più capiente. Non è un caso se nella nuova proposta il Surface è “Pro” e il Surface Laptop no. 

La strategia di Microsoft

Sappiamo bene che Microsoft non produce questi device per entrare in concorrenza diretta con i suoi OEM, piuttosto per aprire la via a nuove idee, di possibili form factor. Redmond non ha minimamente l’intenzione infatti di addentrarsi in un business su alti volumi con i suoi device e probabilmente con questi prezzi non corre nemmeno il rischio.

Vorrebbe dire mettere anche in pista tutt’altri sforzi  di assistenza, canale, e così via. Microsoft si attesta così su oggetti, sostanzialmente di fascia alta, ma declinabili (magari con altri materiali) anche a prezzi inferiori.

Può essere una via, ma non è detto. Tuttavia notiamo una cosa: nello store di Microsoft il sistema di computing più economico per chi va a scuola costa alla fine ben 959 euro (a meno di non scegliere il Surface Pro 4 fine serie), senza nemmeno la tastiera.

Magari si poteva dare un segnale più coerente sull’attenzione per la scuola e la formazione anche con un’offerta più significativa di un semplice sconto di 100 euro circa per gli studenti.

WHITE PAPER: Sei interessato ad approfondire l’argomento?  Scarica il whitepaper: “Conquistare un vantaggio nella Mobile App Economy”     

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore