Microsoft teme il MacBook da 800 dollari e attacca la Apple Tax

Aziende

Nel giorno dell’evento Apple per il debutto dei nuovi notebook, Microsoft afferma che chi acquista i MacBook paga una tassa nascosta: la Apple o Mac Tax

Microsoft ha deciso di esorcizzare il MacBook da 800 dollari , che verrà lanciato oggi in un mega evento Apple, evocando lo spettro di una tassa occulta: la Apple Tax. Microsoft ha confermato che Windows 7 (il nome dell’erede di Vista è stato confermato ufficialmente ) è non troppo lontano (fine 2009 o inizio 2010), e quindi gli utenti Pc non devono farsi tentare dai nuovi MacBook, quasi low-cost per lo standard dei listini Apple, sotto i 1000 dollari, che debutteranno oggi.

Ma per allontanare l’incubo di un’ulteriore crescita di Apple nel mercato Pc, Microsoft ha deciso per l’attacco frontale alla Mela di Cupertino. Riporta The Inquirer : “Brad Brooks, uno dei mille vice president di Microsoft, quello che la responsabilità dei Windows Consumer Product Marketing, ha detto in un’intervista a Cnet che gli utenti della Mela pagano ad Apple una tassa occulta – potremmo chiamarla Apple Tax o Mac Tax, che sembra un panino messicano – perché devono “far fronte a costi nascosti se decidono d provare ad aggiungere Windows al loro Mac o se decidono di scordarsi della compatibilità con Windows”.

Secondo Idc, Apple ha continuato a crescere a due cifre: le vendite di Mac sono aumentate del 38 percento in Usa durante il secondo trimestre, con una percentuale superiore all’11.5 percento di Dell, e al 6 percento di Hp.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore