Microsoft-Ue: decisione rinviata a fine luglio

Aziende

A ultimatum scaduto, la decisione di eventuali sanzioni slitta fine luglio

Terminato il conto alla rovescia all’ultimatum del primo giugno (alla mezzanotte del 31 maggio), il portavoce della Commissaria Ue alla Concorrenza si è comunque mostrato fiducioso, affermando che “non c’è ragione di credere che Microsoft non applicherà” le famose misure correttive in materia antitrust. A questo punto un’eventuale non ottemperanza da parte di Microsoft verso le richieste di interoperabilità dei server e il sistema operativo privo di Windows media player, porterà al contrario a una maxi multa aggiuntiva (fino a circa 5 milioni di dollari al giorno). Ma eventuali sanzioni aggiuntive, a quelle già decretate nel marzo 2004, verranno imposte soltanto entro la fine di luglio. Settimane saranno infatti necessarie alla Ue per analizzare la risposta di Microsoft in merito all’ultimatum sull’applicazione delle misure correttive, decise in seguito all’accusa di abuso di posizione dominante.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore