Microsoft-Ue, ora tocca agli accademici

Aziende

Una lista di professori e universitari difende le pratiche di Microsoft

Dopo la guerra delle carte, combattuta a colpi di documenti,Microsoft ricorre al prestigio degli accademici contro Bruxelles. Il caso antitrust che dura da due anni e vede su due fronti avversi Microsoft e l’Unione europea ha una nuova appendice. Ai technical adviser della Ue, ora Microsoft intende contrapporre gli accademici che sposano il suo approccio aziendale. Anthony Finkelstein e Wolfgang Emmerich del University College di Londr a, Jeff Magee e Jeffrey Kramer dell’Imperial College londinese e Manfred Boy della Technische

Universität di Monaco hanno per esempio scelto di “militare” nelle fila di Microsoft. Contro la maxi multa che potrebbe essere decisa nei prossimi giorni dalla Ue.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore