Microsoft va di nuovo in appello per difendere Word

Autorità e normativeNormativa

Microsoft ha chiesto alla Corte Usa di appello di riesaminare il caso di violazione di brevetto, che ha visto la vittoria di i4i. Intanto applica la Patch giudiziaria

Nel giorno in cui scade l’ingiunzione del tribunale per evitare lo stop alle vendite di Word (Microsoft ha però pronto il work around), Microsoft ha chiesto alla Corte Usa di appello di riesaminare il caso del brevetto incriminato, che ha visto la vittoria di i4i. Microsoft chiede una nuova audizione.

Custom XML (il brevetto No. 5,787,449) doveva cessare di essere parte della suite Office entro l’11 gennaio 2010, per non incorrere nello stop alle vendite di Word. La corte di appello ha stabilito che Microsoft è colpevole di violazione di brevetto ai danni della canadese i4i Technologies.

Intanto applica la Patch giudiziaria: il cerotto, già messo a Word 2007, è stato applicato anche Word 2003, ed è disponibile su Microsoft OEM Partner e Download centers. Microsoft è stata anche condannata a pagare 290 milioni di dollari di multa.

i4i ha detto a V3.co.uk che il ri-appello di Microsoft era previsto.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore