Microsoft vince il primo round

Workspace

La Commissione dell’Unione Europea sospende la condanna di Microsoft, fino a quando la Corte di giustizia non prenderà una decisione in merito al ricorso presentato.

Una piccola vittoria per Microsoft. Gli scorsi giorni, la multinazionale americana aveva presentato ricorso contro la condanna comminata dalla Commissione dell’Unione Europea che le imponeva di modificare i termini di vendita del sistema operativo Windows, perché non consentono una normale concorrenza. Venerdì scorso Microsoft aveva chiesto alla Corte di giustizia di sospendere la condanna, in attesa della decisione della commissione in merito al suo ricorso. La richiesta è stata accettata e si è divulgata già nella giornata di domenica. Nella sentenza promulgata lo scorso marzo, Microsoft si era vista rifilare una multa record di ben 497 milioni di euro, le si imponeva inoltre di cambiare le regole di vendita e di separare Media Player da Windows entro tre mesi. Non si sa ancora per quanto tempo verrà sospesa la condanna, se temporaneamente, oppure sino alla conclusione dell’appello e quindi alla nuova sentenza, che potrebbe arrivare fra più o meno tre anni. Il che sarebbe un bel respiro di sollievo per Microsoft. Il tempo potrebbe anche giocare a favore della società, che sta portando avanti una linea di difesa improntata sul fatto che la sentenza potrebbe arrecare moltissimi danni al mercato e ai consumatori stessi; inoltre, negli Stati Uniti si sono levate diverse voci contro le misure antitrust adottate in Europa, che sarebbero, secondo molti esperti, troppo limitative e soffocanti per il mercato.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore