Microsoft Windows XP

Sistemi OperativiWorkspace

Vnunet.com vi offre il test sul nuovo sistema operativo di Microsoft

Per la prima volta, le versioni Personal e Professional del sistema operativo Microsoft sono basate sullo stesso codice, che è derivato da Windows 2000. È prevista anche una versione Server, costruita sullo stesso codice, che però non sarà commercializzato come Windows XP. Il nuovo sistema operativo non propone molto in termini di funzionalità aggiuntive rispetto alle versioni precedenti. Anche se il codice deriva da Windows 2000, molte delle caratteristiche saranno familiari a chi utilizza Windows 98 SE e Windows ME. Piuttosto, la novità principale di questo upgrade, starà nel rendere più facile e intuitivo lutilizzo delle funzionalità esistenti, con un approccio più task-oriented. Ad esempio, tutte le funzioni relative allediting di immagini, audio e video sono raggruppate. Per quanto riguarda i requisiti di sistema, Microsoft suggerisce almeno 128 Mb di RAM, 64Mb di memoria video e circa 650 Mb di spazio libero sullhard disk. I nostri test sono stati effettuati su un PC Dell con processore Pentium 4 a 1.4GHz e 512Mb di RAM. Il solo sistema operativo impegna 80 Mb di memoria senza che sia stato avviato alcun programma, anche solo Internet Explorer o Outlook. I cambiamenti più consistenti riguardano linterfaccia grafica, che è stata completamente ridisegnata e e a quanto dichiarato da Microsoft offre allo stesso tempo la sensazione di rude funzionalità e accogliente semplicità. Per gli utenti consumer sarà finalmente possibile fare lediting video senza continui crash del sistema e anche la gestione dei files audio su Internet è stata migliorata. Una delle caratteristiche più interessanti di Windows XP, ripresa da Windows ME, è la funzione System Restore, cioè la presenza di un backup che consente di effettuare un ripristino del sistema quando ci si rende conto di aver installato qualcosa che manda in crash il sistema. System Restore ripristina il file di registro e tutte le impostazioni di sistema senza che vada perduto nulla dei file su cui si sta lavorando. Windows XP presenta una nuova versione di Explorer, IE6, più veloce e meno incline a commettere errori; utilizza in modo più efficiente il TCP/IP sviluppato per Windows 2000 e propone un firewall integrato nel sistema per rendere più sicura la navigazione su Internet. Per concludere, Windows XP non presenta innovazioni tali da spingere unimpresa a cambiare il sistema operativo al momento installato sulle sue macchine e non è certo un upgrade irrinunciabile per la maggior parte degli utenti. Inoltre, i requisiti di sistema richiesti indurranno gli utenti a riflettere con attenzione sui costi aggiuntivi di un upgrade hardware senza il quale non è possibile far girare Windows XP con prestazioni perlomeno accettabili.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore