Due miliardi dalla UE per la banda larga

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza
Due miliardi dalla UE per la banda larga
0 4 Non ci sono commenti

I fondi strutturali per l’Italia portano in dote due miliardi di euro per la banda larga

Un salvagente per la broad band arriva dall’Europa. I fondi strutturali per l’Italia portano in dote due miliardi di euro per la banda larga, da qui fino al 2020. Roma e Bruxelles hanno raggiunto un’intesa per la gestione dei fondi europei per il periodo 2014-2020: 43 miliardi di euro in totale che, in parte, dovranno servire per completare l’agenda digitale italiana, in cronico ritardo. Infatti l’Italia soffre il gap nella spesa IT: un ritardo negli investimenti pari a circa 25 miliardi di euro all’anno. Si tratta di 2 punti di PIL e 700 mila posti di lavoro qualificati da qui al 2020.

Per sfruttare i fondi europei, la UE chiede un alto livello organizzativo, un co-finanziamento nazionale ed il rispetto di un meccanismo ciclico di gestione e monitoraggio (in funzione anti sprechi), che collega controlli con l’effettivo sblocco dei fondi. Per spendere i fondi europei, l’Italia presenterà “più di mille progetti concreti di investimento sostenibili e realizzabili nel prossimo triennio”. Il co-finanziamento nazionale per il prossimo settennato sarà dimezzato dal 50 al 25% dell’importo che arriverà dall’Europa: si dovranno aggiungere investimenti privati. L’accordo di partenariato è già stato approvato, ora in ritardo sarebbero le Regioni.

I 2,1 miliardi di euro saranno concentrati nella “banda ultralarga, in particolare nelle cosiddette zone bianche e quindi nel Mezzogiorno”. L’agenda digitale è priorità: solo la sanità digitale permetterebbe un risparmio quantificabile in sette miliardi, secondo il ministro della Sanità.

Due miliardi dalla UE per la banda larga
Due miliardi dalla UE per la banda larga

Nel frattempo procedono le domande di finanziamento per progetti innovativi a favore delle piccole e medie (Pmi) imprese, nel quadro del programma europeo Horizon 2020: alla seconda scadenza 608 bandi su un totale di 1944 erano dedicati al settore hi-tech, mentre alla prima scadenza erano stati 855 su 2.666. Solo per il prossimo anno, relativamente al settore ICT, il programma Horizon 2020 totalizza 1.704,31 milioni di euro di fondi previsti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore