Minecraft nel mirino di Microsoft: vale 2 miliardi di dollari

AccessoriAcquisizioniAziendeManagementMarketingWorkspace
Mojang Minecraft, un fenomeno da 20 milioni di copie, è nel mirino di Microsoft
1 0 1 commento

Minecraft di Mojang è un fenomeno da 54 milioni di copie. Ora Microsoft è disposta a spendere 2 miliardi di dollari per acquisire il titolo

Microsoft vorrebbe acquisire Minecraft, uno dei videogiochi più creativi di oggi, diventato popolare come “Lego virtuale”, con aspirazioni nel mondo della formazione per la scuola digitale e dell’Education. L’azienda Mojang, fondata da Markus Perrson, inventore del videogioco Minecraft, è valutato 2 miliardi di dollari.

Minecraft è un Lego virtuale che permette agli utenti di costruire mondi, immergendo gli utenti in uno scenario pixellato, dalla grafica poco raffinata ma efficace; il gol consiste nell’evitare di essere divorati da zombie e mostri che appoaiono quando cala il buio. Nel 2011 Minecraft aveva venduto 1.75 milioni di copie, per salire a 20 milioni nel 2012, fino alle attuali 54 milioni di unità.

Minecraft è balzato alle cronache per le sue potenzialità nel settore Education, per i suoi skill creativi. Ordnance Survey ha usato 22 miliardi di blocchi di Minecraft per realizzare un modello della Gran Bretagna.

Minecraft gira su PlayStation, Mac, Android, Linux ed altri piattaforme rivali. Secondo Npd, è salito dal terzo al secondo posto dei titoli più venduti nel retail per Xbox 360 e Ps3. Gli utenti di Minecraft non devono temere Microsoft, perché come Office è multipiattaforma, non c’è motivo che l’azienda di Redmond impedisca al titolo di girare su piattaforme concorrenti.

Mojang Minecraft, un fenomeno da 20 milioni di copie, è nel mirino di Microsoft
Mojang Minecraft, un fenomeno da 54 milioni di copie, è nel mirino di Microsoft

Il titolo di Mojang è un fenomeno da 54 milioni di copie: dopo aver venduto il videogame per Pc, Xbox 360 e apps per iPhone e Android, il gioco che consente di costruire mondi virtuali, deve essere rilasciato su Xbox One e Sony PlayStation 4.

La svedese Mojang è la software house del popolare videogioco Minecraft. L’atmosfera informale dell’ufficio di Minecraft riflette l’anima “grezza” di Minecraft, un gioco che ha venduto 20 milioni di copie per 232 milioni di dollari solo nel 2012, per raggiungere i 54 milioni di oggi: due anni fa sono state vendute 9 milioni su Pc o Mac, il resto su altre piattaforme (anche mobili). In svedese Mojang significa gadget, e conta uno staff di 25 persone. Finora la piccola software house nord-europea ha evitato la cessione o la quotazione in Borsa; ancora non ha deciso cosa farà da grande. Carl Manneh, 35 anni, uno dei tre fondatori del gioco, intervistato da Reuters, afferma che “abbiamo un cash flow sufficiente, e più soldi di quanto abbiamo bisogno“, e aggiunge: “L’independenza è uno dei nostri punti di forza“.

Il Nord-Europa ha una lunga tradizione nei videogame: era svedese DICE, mentre è finlandese Rovio, la start-up dietro ad Angry Birds (che è prossima all’IPO, con un valore fra 6-9 miliardi di dollari). Gli analisti dicono che l’approccio di Mojang ha senso oggi, ma in futuro i developer dovrebbero guardarsi intorno. Minecraft è stato creato da Markus Persson, uno dei tre cofondatori di Mojang. Minecraft debuttò nel 2011: un Lego originale per costruire palazzi e città, blocco su blocco, mentre si uccidono zombie. Il successo di Minecraft è stato lento, ma costante: il classico passaparola è alla base della popolarità del videogioco. Ai ragazzi piace l’aspetto grezzo del gioco, un eterno work-in-progress che riceve continui upgrade per passare al livello successivo. Al contrario dei videogame tradizionali, che vengono venduti in versione definitiva. L’età media dei giocatori era all’inizio di 25-35 anni, ma di recente Minecraft ha aperto ai ragazzini di 10-12 anni; e il successo di Minecraft si osserva con i milioni di video su Youtube. Minecraft potrebbe superare The Sims in un paio d’anni: il gioco vendette più di 16 milioni su tutte le piattaforme, mentre il franchise raggiunse i 150 milioni di unità vendute.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore