Mirai, la rete di Deutsche Telekom messa a KO dalla botnet

CyberwarSicurezza
Mirai, la rete di Deutsche Telekom messa a KO dalla botnet
1 16 Non ci sono commenti

Gli attacchi DDoS sono destinati a moltiplicarsi, come avverte Akamai. Ma non sono gli unici attacchi a preoccupare. In pochi giorni, un attacco Ransomware ha mandato in tilt il trasporto pubblico di San Francisco, un cyber-attacco ha oscurato il portale di Equitalia e un altro è stato sventato giovedì contro la Commissione europea

Mirai colpisce ancora. La rete di Deutsche Telekom è stata vittima di un cyber-attacco. I router, prodotti da Zyxel e Speedport, di un milione di utenti tedeschi sono stati compromessi da una vulnerabilità sfruttata dal worm Mirai, già protagonista delle botnet IoT che, a fine ottobre, mandarono in tilt Twitter, Spotify, Reddit e CNN con un gigantesco distributed denial of service (Ddos), scatenato contro il provider di servizi DNS americano Dyn.

Mirai, la rete di Deutsche Telekom messa a KO dalla botnet
Mirai, la rete di Deutsche Telekom messa a KO dalla botnet

A causa del crash, il 5% dei 20 milioni di abbonati di Deutsche Telekom non ha avuto accesso alla Rete. Una versione modificata di Mirai aveva attaccato la porta 7547, quella tenuta aperta dall’ISP per l’assistenza remota.

Gli attacchi DDoS sono destinati a moltiplicarsi, come avverte Akamai. Ma non sono gli unici attacchi a preoccupare. Secondo Check Point Software Technologies, quelli Ransomware sono in pieno boom: l’Italia è diventato il quarto paese Ue (e il 41esimo a livello globale) nel mirino dei virus con cui i cyber-criminali prendono in ostaggio un sistema informatico chiedendo un riscatto in denaro per renderlo di nuovo accessibile.

Nei giorni scorsi l’azienda del trasporto pubblico di San Francisco è finita nel mirino di un attacco Ransomware, con riscatto, a seguito del quale i passeggeri di San Francisco hanno viaggiato gratis per via del blackout d’emergenza dell’intero sistema informatico: il blocco dei computer di tutte le biglietterie automatiche ha infatti costretto a spegnerle per precauzione.

Infine, pochi giorni fa un cyber-attacco al sito di Equitalia ha reso inattivo il portale per circa sei ore.

In un recente convegno che si è tenuto a Milano, promosso dalla Camera di Commercio Usa In Italia, è stato stimato oltre due miliardi di euro il valore delle attività cyber-criminali in Italia (fonte: Norton Cybercrime Report). Dal report Global Economic Crime Survey 2016 di Pwc, emerge che un’azienda su cinque in Italia rimane vittima di crimini economici, una su tre nel mondo, ma solo il 53% ha messo a punto un piano di prevenzione: i danni, mediamente per singola azienda, superano il milione di euro.

Giovedi è stato sventato cyber attacco al server della Commissione europea: un sovraccarico di richieste ha intasato e rallentato il sistema informatico.

WhitePaper – Sei interessato ad approfondire l’argomento? Scarica il Whitepaper: Compatibilità di Malwarebytes con i prodotti antivirus

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore