Mobile e YouTube trainano i conti di Google

AziendeMercati e Finanza
Mobile e YouTube trainano i conti di Google
4 3 Non ci sono commenti

Google archivia il secondo trimestre in rialzo dell’11%, grazie a Mobile e YouTube

Google chiude il secondo trimestre in rialzo dell’11%, grazie a Mobile e YouTube. Il fatturato del motore di ricerca di Mountain View è salito dell’11%, mentre i profitti sono cresciuti del 17%: merito della ricerca mobile e del progresso di YouTube.

Mobile e YouTube trainano i conti di Google
Mobile e YouTube trainano i conti di Google

Google ha fatturato 17.7 miliardi di dollari da aprile a giugno, in crescita dai 16 miliardi di dollari, durante lo stesso periodo di un anno fa. Google ha generato profitti da 3.93 miliardi di dollari, in salita da 3.35 miliardi di dollari, pari a 6.99 dollari ad azione.

I profitti battono le previsioni per la prima volta nei sei trimestri passati, provocando un incremento del 12% del titolo.

Il Mobile, YouTube e l’advertising programmatico hanno spinto i conti dell’azienda guidata dal Ceo Larry Page.

Sembra che Google abbia voltato pagina nel business del mobile-advertising. Finora Google domina nel mondo desktop; ma se cercate un modello di scarpe su Amazon, la ricerca su dispositivi mobili bypassa Google.

Secondo Interactive Advertising Bureau (Iab), fra il 2013 e il 2014, la spesa in mobile-advertising è salita del 76% a 12.5 miliardi di dollari. La ricerca rimane la top destination degli investimenti in advertising, con il 38% del mercato, ma è scesa dal 43% dell’anno precedente.

La crescita del tempo speso su YouTube è di oltre il 60% anno su anno: la più rapida in due anni. Il tempo speso su Mobile è più che raddoppiato in un anno. YouTube fattura 3.6 miliardi di dollari del secondo trimestre di Google, in crescita del 2% anno su anno.

Oggi la ricerca di Google avviene prima su mobile che su Pc in 10 Paesi, a partire da Usa e Giappone.

Il 30% delle interrogazioni mobili si riferiscono alla location. Per spingere il Mobile, Google scommette su Android Pay e il bottone Compra.

Le spese del motore di ricerca sono salite del 13%: pesano i Google Glass, Google cars e Project Loon.

Google appare interessata infine agli home-services, secondo Bloomberg, per sfidare Amazon e Yelp.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore