Morganti (ANFoV): PMI italiane, a che punto siamo

AziendeFormazioneManagement

Le piccole aziende dovrebbero dotarsi di un valido Crm e puntare al Voip. Oggi solo il 70% ha la banda larga

Di solito si parla di pmi italiane riferendosi a 4 milioni di aziende. “In realtà – precisa Franco Morganti, docente ANFov – sono circa 200.000 quelle vere che si rispettano, con più di 10 dipendenti. Oggi il 70% ha la banda larga, un buon risultato rispetto al 20% di 5 anni fa. Ma si deve ancora investire in ICT, oggi verso il Voip”.

Investire verso un sistema di Crm completo, valutare le forme interessanti di credito, non sottovalutare l’impatto di Basilea 2 “di cui più nessuno parla, aspettando Basilea 3”. Questi alcuni temi toccato in questa videointervista.

Domande scritte… risposte in video

– Il dibattito sulle pmi– investono in it o non investono – è ormai datato. Che fotografia scatta lei, oggi, delle pmi italiane?

L’innovazione ha un costo. Gestibile e ammortizzabile per una pmi in quanti anni?

– Se dovesse indirizzare gli investimenti delle pmi, quali reputerebbe irrinunciabili?

– Perché un imprenditore o un operatore della distribuzione dovrebbe credere che l’ict sia una leva strategica per migliorare le proprie performance?

– Le pmi lamentano spesso scarsi aiuti finanziari da parte delle istituzioni. A che punto è la normativa?

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore