Motorola accusa Huawei di spionaggio

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativa

Lo spettro dell’intrigo internazionale e dello spionaggio industriale approda nel mercato delle Tlc: botta e risposta fra Motorola e Huawei

Il mondo delle Tlc si tinge di giallo. <i vfatti risarilerebbero al 2001. Motorola, fresca della cessione dell’unità Tlc a Nokia Siemens Networks e della rinascita con Android (il nuovo Motorola Droid X è già sold-out), accusa Huawei di spionaggio industriale. Motorola sarebbe stata oggetto di violazione di segreti commerciali, in quanto un ex -ingegnere (un po’ troppo disinvolto nell’uso della posta elettronica aziendale) avrebbe scambiato informazioni riservate già dal 2001.

Secondo Bloomberg, lo spettro dell’intrigo internazionale approda nel mercato delle Tlc: il fondatore Ren Zhengfei di Huawei avrebbe goduto dell’accesso a segreti e a documentazione riservata della società statunitense grazie all’ingegnere doppiogiochista e al ruolo dell’azienda Lemko.

Ma il vicepresidente della divisione marketing nordamericana Charlie Chen respinge le accuse risponderà in tribunale: “Huawei non ha alcuna relazione con Lemko a parte un accordo distributivo. Huawei si difenderà in maniera vigorosa contro affermazioni senza fondamento”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore