Motorola Moto Q9h

Mobility

La tastiera “qwerty” e il supporto per le reti UMTS/HSDPA fanno di questo smartphone un valido strumento di lavoro, soprattutto per i professionisti

Moto Q9h è uno smartphone 3G equipaggiato con Windows Mobile 6. La forma richiama quella tipica del Blackberry “a tavoletta”. Le dimensioni sono abbastanza generose (118×66,7×11,8 mm) per quanto Motorola sia riuscita davvero a limitare spessore e peso (134 gr), tanto che il Moto Q9h può tranquillamente trovare spazio nel taschino della camicia o della giacca, senza ingombrare in modo eccessivo. Le prime impressioni sulla qualità dei materiali sono positive. La parte posteriore del guscio e la tastiera sono leggermente gommate, antiscivolo. Appena sopra i pulsanti QWERTY trovano spazio un jog shuttle a 5 vie e altri 8 pulsanti di controllo veloce delle funzioni, a corsa breve, protetti dalla stessa plastica lucida che copre il display, un ottimo TFT da 320×240 pixel con diagonale da 2,4 pollici e retroilluminazione intelligente in grado cioè di variare l’intensità luminosa a seconda delle condizioni ambientali.

latopulsanti.jpg

Sul profilo destro ci sono 2 pulsanti di scorrimento (servono anche per la regolazione del volume) il tasto Indietro e quello di Selezione. Sul lato sinistro invece è stato collocato il connettore mini USB, ma è di tipo proprietario, quindi non sarà possibile ricaricare il dispositivo, né collegarlo al PC per la sincronizzazione con ActiveSync con un normale cavetto. Riteniamo che sia un limite di una certa importanza.

connettoreusb.jpg

Lo sportello posteriore chiude lo spazio di alloggiamento della batteria da 1.100 mAh e lo spazio per la SIM. Il meccanismo di apertura e chiusura non è molto preciso.

Rileviamo che per quanto la SIM non sia da inserire sotto la batteria risulterà impossibile la rimozione senza togliere anche l’accumulatore.

vistaposterioreaperto.jpg

Sempre sul lato posteriore è ben in vista una sottile feritoia che agevola notevolmente la diffusione audio. In alcuni smartphone il volume basso delle suonerie rappresentava un problema, qui è del tutto risolto.

contenuto_confezione.jpg

Il contenuto della confezione prevede l’alimentatore per la rete elettrica, il cavo proprietario di collegamento al computer, manuale di istruzioni in lingua italiana, auricolari (con ben 3 spugnette di ricambio e pulsante di controllo per attivare le chiamate tramite comando vocale), CD con software di sincronizzazione e guida d’uso, una schedina micro SD da 512 MB con adattatore SD. Moto Q9h costa 499,90 euro

Caratteristiche tecniche

Questo smartphone supporta le reti UMTS e HSDPA (per la navigazione sul Web e il traffico dati), ma anche GPRS e EDGE di classe 12 per lo scambio dei dati praticamente ovunque. Il software per la gestione delle risorse sul modello da noi provato segnala 151 MB di memoria dispositivo e 64 MB di RAM. I valori variano a seconda della personalizzazione dell’operatore di riferimento (saranno diversi, per esempio, nel caso in cui venga acquistato il Motorola Q9h in una versione brandizzata). E’ possibile comunque espandere la memoria tramite le Micro SD, lo sportellino esterno ne agevola inserimento e rimozione. Windows Mobile 6 lavora grazie a un processore ARM1136 OMAP2420. Moto Q9h non supporta le reti Wi-Fi, ma è Bluetooth, e in questo caso è previsto anche un tool per utilizzare lo smartphone come telecomando di controllo di alcune funzioni del PC. E’ possibile realizzare foto grazie alla fotocamera integrata da 2 Megapixel con zoom 8X (digitale), sfruttando l’illuminazione di un piccolo flash di servizio. La qualità tuttavia non è eccellente. Non è prevista invece la seconda foto/videocamera frontale e quindi non sarà possibile realizzare videochiamate.

Software in dotazione

Al Moto Q9h non manca quasi nulla. Oltre alla dotazione di serie, prevista per Windows Mobile 6 (con Outlook mobile e Windows Media Player mobile), segnaliamo la presenza del browser Opera di un pratico File Manager, dell’antivirus McAfee VirusScan, VPN per le reti aziendali, e Documents To Go per la visualizzazione dei file di testi, fogli di calcolo, presentazioni, PDF e ZIP. Peccato aver rinunciato a Office Mobile di Microsoft. Tra gli Strumenti di sistema sono comodissime da usare le applicazioni per la Cancellazione totale, il Ripristino, la Formattazione della memoria esterna. In questa cartella si trova “relegato” anche Internet Explorer Mobile. La configurazione dello smartphone secondo i parametri del proprio operatore è garantita da Network Wizard: basta attivarlo e seguire la procedura per ritrovarsi con tutti i parametri di navigazione Wap, Web e Gprs adeguati.

Impressioni

Moto Q9h non è certo uno smartphone “mini”. Però lo spessore ridotto ne agevola l’utilizzo, meno invece la disposizione dei pulsanti laterali troppo scomodi sia da individuare al tatto, sia da premere. Niente da dire invece sulla “qwerty”: addirittura sono stati previsti nella parte inferiore tasti supplementari per l’accesso rapido alla fotocamera, ai contatti, al calendario, al player multimediale e per accedere alle funzioni di riconoscimento vocale. E’ una comodità non sempre presente, in altri prodotti di questo tipo. Nel normale utilizzo invece è risultata scomoda la cancellazione di una lettera o di una parola per cui bisogna ricorrere al tasto utilizzato per tornare alla schermata precedente, a destra del jog shuttle.

Nulla di nuovo anche sul fronte della gestione delle connessioni, sempre poco accessibile rispetto alla necessità di utilizzo.

La sensibilità in ricezione di questo terminale è decisamente buona, non abbiamo riscontrato alcun problema anche in diverse situazioni critiche. La durata della batteria non supera la giornata di lavoro, soprattutto se si utilizza Bluetooth, anche solo per un paio d’ore e la connettività al Web. Bisogna tenerne conto perché questo comporta la necessità di munirsi di un cavo e un caricatore supplementari, considerato il tipo di connessione dedicato. Moto Q9h supporta la tecnologia “push” con i server aziendali Exchange, ma è disponibile anche in una versione brandizzata Vodafone, si guadagna così un valido servizio di e-mail in tempo reale, con l’applicazione dedicata preinstallata dall’operatore utilizzabile con le caselle e-mail dei più conosciuti provider.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore