AziendeManagementMarketingNomine

Muore Jack Tramiel, il padre del Commodore

Morto Jack Tremiel, padre del Commodore 64
0 0 1 commento

A 83 anni si è spento Jack Tramiel, il fondatore del Comodore. Colui che influenzò l’alba dei Personal computer e dei video giochi

È morto all’età di 83 anni Jack Tramiel, il padre del Commodore. L’uomo che, ex CEO di Atari International, influenzò l’alba dei Personal computer e dei video giochi, si è spento domenica scorsa. Il suo motto più celebre è che i Personal computrer dovevano essere costruiti “per le masse, non le classi“. L’affidabile Commodore 64 è stato uno dei primi Pc ad entrare nelle case degli utenti consumer.

Nato a Lodz, in Polonia lo scorso 13 dicembre 1928, Tramiel, la cui famiglia venne condotta nei campi di concentramento di Auschwitz, dopo l’ invasione polacca nella II guerra mondiale, venne poi trasferito ad Ahlem, vicino ad Hannover. Venne liberato dagli americanoi nell’aprile 1945. Emigrato nel 1947 negli Stati Uniti, prima fondò nel Bronx (era il 1953) l’azienda Commodore Portable Typewriter.

Divenuta pubblica nel 1962, l’azienda passò dalle macchine da scrivere ai calcolatori,m per approdare ai computer nel ’77 con il Commodore PET. Ma il successo lo raggiunse con il Commodore 64, che debuttò nel gennaio 1982. Dopo una pausa, ritornò nel 1984 quando comprò la divisione consumer di Atari: iniziava l’era dei video game.

Di recente Commodore USA ha lanciato Amiga Mini, un piccolo Pc con Cpu Intel Core i7, scheda grafica Nvidia e player alta definizione Blu-ray, dedicato ai nostalgici degli anni ’80.

Morto Jack Tremiel, padre del Commodore 64
Morto Jack Tremiel, padre del Commodore 64
Resta connesso, iscriviti alle nostre newsletter gratuite!

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici