Musica: il fatturato del mercato discografico mondiale nel 2003 in calo del 7.6%

Workspace

32 miliardi di dollari complessivi, il fatturato più basso dalla nascita
del CD.

Queste le stime riferite dall’ Ifpi, Federazione internazionale dell’industria fonografica, l’ente commerciale che rappresenta le più grandi case discografiche. Il calo delle vendite è stato limitato da un forte recupero nel secondo semestre nel mercato degli Stati Uniti insieme al recupero delle vendite nel Regno Unito , dovuto soprattutto alla forte crescita dei DVD musicali che hanno rappresentato nel 2003 il 6.3% delle vendite totali, contro il 3% di due anni fa. Secondo l’Ifpi, il calo, per il quarto anno consecutivo, è principalmente dovuto alla crescente pirateria, alle condizioni economiche non favorevoli e alla concorrenza di altri prodotti di intrattenimento come dvd, videogiochi e telefoni cellulari. Per quanto riguarda il mercato italiano, complessivamente l’Ifpi parla di un calo del 7,87% a volume e del 7,69% a valore, percentuali in linea con il calo mondiale.36 milioni di dischi venduti nel 2003, contro i 39 milioni nel 2002, per un fatturato di 314 milioni di euro contro i 340 milioni, rispettivamente. Negli ultimi quattro anni, il mercato discografico italiano ha perso in termini di fatturato il 14,44% con oltre 53 milioni di euro bruciati dalla crisi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore