MobilitySmartphone

Mwc 2015 – L’extra-large di Archos sotto i 200 euro

Archos a Mwc 2015
0 0 Nessun commento

Lo smartphone Archos 50 Oxygen Plus è Dual SIM e ha uno schermo HD (1280 x 800 pixel). A Mwc 2015 presentati anche Archos 52 Xenon, 59 Platinum e 62 Xenon

A Mwc 2015 Archos ha presentato il nuovo smartphone Archos 50 Oxygen Plus, con schermo, prodotto da JDI (Japan Display). Archos 50 Oxygen Plus ha un display HD (1280 x 800 pixel), spesso solo 7.2 mm e leggero (pesa 125 grammi). Il modello 50 Oxygen Plus è ergonomico e presenta una salda impugnatura. Archos 50 Oxygen Plus è dotato di GPU e processore Octo-Core 3G, inoltre è equipaggiato con una fotocamera posteriore da 8 Megapixel e una camera frontale da 5 Megapixel.

Archos a Mwc 2015
Archos a Mwc 2015

Lo smartphone Archos 50 Oxygen Plus è Dual SIM. Lo spazio interno è pari a 16GB e consente di aggiungere una Micro SD per espanderla ulteriormente. Disponibile da marzo, costa 199 euro.

Il nuovo modello 4G supporta il sistema operativo Android Lollipop e ha un chip 4G Octo-Core MT6752 per grandi prestazioni e veloci tempi di risposta. Il design del modello 4G è invariato.

Archos 52 Platinum, ARCHOS 59 Xenon e ARCHOS 62 Xenon vantano ampi schermi IPS HD (1280 x 720 pixel). Al grande schermo HD, affiancano un processore quad-core e un sistema operativo Android 4.4 KitKat. La multimedialità Android è affidata alle applicazioni di Archos Media Center. Sono disponibili a un prezzo di 169 euro (Archos 52 Xenon e Archos 59 Platinum) e di 199 euro (Archos 62 Xenon).

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici