Mwc 2016 scalda i motori. Fra anticipazioni, novità e previsioni del mercato Mobile

MobilitySmartphone
Quiz: avete seguito Mwc 2016
1 2 Non ci sono commenti

Non solo smartphone a MWC 2016, anzi. A Barcellona protagonisti saranno realtà virtuale e connettività 5G, insieme allo sviluppo dei dispositivi wearable e Iot. E i grandi già il giorno prima della Fiera sveleranno tutte le novità

Mobile World Congress (Mwc 2016) si svolgerà a Barcellona dal 22 al 25 febbraio. Alla vigilia dell’evento verranno presentati anche i prossimi top di gamma Android, gli attesi Samsung Galaxy S7 e Lg G5, oltre ai nuovi dispositivi di Sony, Huawei e Xiaomi, in uno scenario che è sempre più globale e che allo stesso tempo indica che sì, il mercato smartphone è maturo, ma allo stesso tempo, il primo oggetto che si ha voglia di cambiare e ‘rinnovare’ è proprio lo smartphone, fosse anche solo per il fatto che lì convergono sempre più servizi, e lì finisce la nostra attenzione (secondo alcune stime addirittura con oltre 150 sguardi in media per persona tutti i giorni). E allora proviamo proprio a leggere qualche dato.

Mwc 2016
Mwc 2016

Il mercato smartphone ha chiuso il 2015 totalizzando 1.43 miliardi di smartphone, secondo IDC. La crescita si attesta al 10.1%, confermando anche per l’anno scorso un nuovo record e una crescita a doppia cifra. Fra i top vendor, Samsung mantiene lo scettro, in crescita del 2,1%, detenendo il market share del 22,7%; segue Apple al secondo posto, con un tasso d’incremento del 20,2%, con quote di mercato pari al 16,2%. In forte ascesa è Huawei, sul podio con il 7,4%, ma in crescita esplosiva del 44,3%. Si posiziona al quarto posto Lenovo al 5,2%, in progresso del 24,5%. Chiude la Top 5 la cinese Xiaomi al 4,9%, in crescita del 22,8%: la startup vale 45 miliardi di dollari.

La presentazione ufficiale di Samsung si terrà domenica alle 18:30. Sono già uscite molte indiscrezioni sul Galaxy S7, ecco cosa sappiamo già: il nuovo Galaxy avrà un modello flat e l’Edge con display curvo.

Samsung Galaxy S7
Samsung Galaxy S7

Il primo è dotato di un pannello QHD da 5.1 pollici mentre la seconda versione è equipaggiata con uno schermo curvo con diagonale da 5.5 pollici. Entrambi i display sono AMOLED. il vendor sud-coreano aggiornerà TouchWiz ad Android 6.0 Marshmallow. In Asia e USA il nuovo Galaxy S7 sarà motorizzato con SoC Qualcomm Snapdragon 820, una Cpu con quattro core di tipo Kyro, realizzato a 14 nm, associato alla GPU Adreno 530. La variante europea, avrà Exynos 8890. Arriverà nei modelli da 32 e 64 GB di storage, con il taglio da 128 GB non ancora confermato, ma a fare la differenza sarà la Micro SD. Il sensore della fotocamerà passerà da 16 Megapixel a 12 Megapixel, ma non è un downgrade: Samsung ha ottimizzato il sensore per scattare immagini in condizioni di scarsa luminosità, scegliendo un’apertura f/1.7 contro la f/1.9 degli attuali dispositivi. Nelle ultime ore, sono emerse indiscrezioni su modelli resistenti all’acqua.

Smart shoes Samsung IoFit
Smart shoes Samsung IoFit

In ambito Wearable tech (tecnologia indossabile), Samsung potrebbe presentare anche le scarpe intelligenti (smart shoes) IOFit.

LG invece ha dato appuntamento alle 14 del 21 febbraio, per svelare il G5 con tecnologia Always on, in grado di mostrare notifiche, ora e data, in una “finestra” sempre visibile anche attraverso una cover ad hoc disegnata da LG. Specifiche: pannello Oled, CPU Snapdragon 820, 4 GB di RAM; il secondo display visto sul V10 potrebbe lasciare il passo alla modalità Always on; 32 GB, espandibile tramite lo slot Micro SD; doppia fotocamera posteriore, con flash Led e messa a fuoco laser; ipotesi di batteria removibile. Il design dovrebbe basarsi su materiali più raffinati, racchiuso in una scocca posteriore in alluminio.

La conferenza stampa di Huawei, il terzo vendor del mercato smartphone, si terrà in contemporanea con quella di LG, ma, secondo i rumors, il nuovo P9 dovrebbe essere presentato in un prossimo evento e non in occasione del Mobile World Congress 2016. Invece a Mwc 2016, Huawei dovrebbe togliere i veli a un nuovo tablet Windows 10 di fascia business, un ibrdo per sfidare Microsoft Surface. Inoltre Huawei potrebbe aggiornare Watch.

Sony aprirà il MWC 2016 con la conferenza alle 9 di mattino del 22 febbraio. Dopo Xperia Z5, ci aspettiamo il nuovo SmartWatch e forse un nuovo tablet compatto, insieme a nuovi smartphone di fascia media.

Htc One M10Perfume” non vedrà la luce a Mwc 2016, slittato ad aprile. Fari accesi sui nuovi Desire, ma soprattutto sulla realtà virtuale con Htc Vive.

Microsoft ha anticipato il lancio del Lumia 650 e cancellato i prossimi Lumia, pare per concentrarsi sui Surface Phone probabilmente rinunciando del tutto al brand Lumia. Vedremo a Mwc alcuni modelli di 2-in-1 di vari vendor equipaggiati con Windows 10, il sistema operativo con la funzionalità Continuum, ma pesa e non poco l’assenza di Microsoft alla manifestazione, per la prima volta dopo anni, anche se spesso Microsoft ha preferito esporre i propri gioielli in una vetrina separata. Gartner intanto, negli ultimi dati proietta Windows ancora in discesa quando si parla di smartphone consegnati ai clienti nell’ultimo trimestre 2015. Con una percentuale di market share dell’1,1 percento a livello globale (ultimo trimestre 2015) mentre era il 2,8 percento nello stesso periodo del 2014.

Nella cornice di Barcellona, ci attendiamo una versione Android di BlackBerry Passport, in precedenza equipaggiato con BlackBerry OS. Il futuro dell’azienda canadese è a braccetto dell’Os di Google.

Nokia, uscita dal mercato smartphone dopo la cessione dei Lumia a Microsoft, prepara un’offensiva in ambito Internet of Things (IoT).

Per la prima volta la cinese Xiaomi sbarcherà al Mobile World Congress con l’atteso Mi 5, in duplice versione (con RAM da 3 o 4GB e con memoria interna da 32 o 64GB), con schermo Quad HD, chip Snapdragon 820 e fotocamera posteriore da 16 Megapixel.

L’addio alle Sim potrebbe essere, infine, uno dei piatti forte di Mwc 2016. Avrà un impatto sul roaming internazionale e sul cambio dell’operatore mobile.

Altro tema scottante sarà il 5G, i cui test continuano in attesa del suo avvento, indispensabile per l’era dell’IoT e delle self-driving cars.