MyTobii consente di scrivere e parlare con gli occhi

Management

SR LABS apre ai disabili una finestra sul mondo

Una novità tecnologica Made in Italy porta la firma di Sr Labs e rivoluziona la vita di chi è costretto all’infermità. MyTobii è un nuovo computer a “comando visivo”, capace di migliorare sensibilmente la qualità della vita alle persone colpite da disabilità motorie: basta guardare lo schermo per comunicare col mondo. Tra i molti che lo hanno già sperimentato anche Luca Coscioni, che lo userà al prossimo convegno della sua associazione ( www.lucacoscioni.it ). MyTobii offre notevoli benefici a chi è affetto da malattie invalidanti o è stato vittima di traumi che hanno portato a deficit a carico della sfera motoria (SLA, distrofia muscolare, sclerosi multipla, parkinson eccetera). SR LABS ( www.srlabs.it ), l’azienda italiana all’avanguardia nel campo dell’eye-tracking, tecnologia che permette di usare il

computer grazie al semplice movimento degli occhi sostituendo mouse e tastiera, presenta MyTobii: un sistema a “comando visivo” che, col solo movimento degli occhi, rende possibile selezionare lettere o intere parole su una tastiera virtuale visualizzata sullo schermo ed in questo modo scrivere testi che saranno trasformati in parlato da un sintetizzatore vocale, piuttosto che in una email o in un documento di testo. Sul versante della fruizione di informazione, MyTobii offre la possibilità di navigare in Internet, accedere a file multimediali (musica, film eccetera), leggere libri da una libreria elettronica. La piattaforma MyTobii, distribuita in esclusiva in Italia da SR LABS, è la soluzione attualmente più efficace e non invasiva disponibile per il supporto alla disabilità neuro-motoria, capace di sostenere un livello di comunicazione con il mondo esterno ricco e personalizzabile, a fronte di un affaticamento minimo dell’utente. MyTobii è in grado di valutare e gestire i movimenti incontrollati del capo per far sì che spasmi o movenze involontarie non vengano interpretate dal sistema come istruzioni, inoltre è capace di gestire le più comuni applicazioni di un computer mediante il solo uso degli occhi e senza dover indossare caschetti o marcatori. Il disabile è oggi in grado di: parlare attraverso un sintetizzatore vocale; interagire con un PC ed utilizzare i più comuni programmi Windows; redigere testi; navigare in Internet; inviare e-mail.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore