Napster a pagamento.

NetworkProvider e servizi Internet

Roxio annuncia la versione beta del nuovo servizio musicale; il lancio commerciale fissato il 29 ottobre.

Napster, divisione di Roxio ha annunciato l’attesa versione beta di Napster 2.0, che diventerà disponibile negli Stati Uniti a partire dal 29 ottobre. Il nuovo servizio offrirà la più grande collezione di brani musicali del mondo: oltre 500.000 canzoni, scaricabili su qualsiasi PC al costo di 99 centesimi di dollari l’una. Gli album interi costeranno 9 dollari e 95 centesimi e gli abbonamenti mensili una decina di dollari. È possibile preiscriversi immediatamente al servizio al sito www.napster.com, ottenendo il bonus di cinque download gratuiti dopo il lancio vero e proprio. «Napster ha inventato la musica online: la sua missione continua con Napster 2.0,” ha commentato Chris Gorog, presidente e CEO di Roxio, che ha acquistato Napster nel 2002. Con Napster 2.0 chiunque possegga un PC potrà accedere alla più vasta collezione di musica di tutti i generi: una semplice ed elegante interfaccia consente una rapida ricerca dei brani e degli artisti, il download di un numero illimitato di canzoni, ma non sarà possibile caricarle su un lettore MP3 o masterizzarle su CD. Con l’abbonamento sarà possibile anche ascoltare 40 stazioni radio. Il lancio nazionale (statunitense) di Napster 2.0 avverrà il 29 ottobre presso la House of Blues di Los Angeles, in una manifestazione che prevede l’esibizione di alcuni dei più importanti artisti del momento. Obbiettivo di Napster è assicurare agli utenti la possibilità di accedere dovunque al proprio servizio grazie ad una serie di partnership con le principali compagnie produttrici di elettronica di consumo. Napster ha infatti annunciato il primo prodotto nato da un accordo con Samsung: il player Samsung-Napster, progettato per integrarsi con il nuovo servizio, che, oltre alle usuali caratteristiche di un dispositivo portatile, prevede un trasmettitore FM, per ascoltare la musica senza fili da car o home stereo. Inoltre, è stata siglata una stretta partnership con Microsoft: Napster sarà infatti il servizio di musica on line di default in Windows XP Media center Edition e dovrebbe essere incluso in Windows Media Player 9.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore