FormazioneManagement

Nasce a Bologna CDE, il centro per i manager dell’economia digitale

Nasce a Bologna CDE, il centro per i manager dell'economia digitale
2 150 Nessun commento

Apre il primo centro europeo di formazione manageriale per il business digitale. Nel capoluogo emiliano, in collaborazione con Ibm, Google, Bologna Business School e Yoox Net-a-Porter

Apre i battenti il primo centro europeo di formazione manageriale per il business digitale. Si chiama CDE (Center for Digital-Business Education) ed è frutto della partnership tra Bologna Business School (BBS), la scuola di management dell’Università di Bologna, e Yoox Net-a-Porter (YNAP), azienda di e-commerce della moda di fascia luxury. Il progetto scaturisce dalla sinergia tra le competenze scientifiche di BBS, l’esperienza di Yoox Net-a-Porter nell’e-commerce di lusso e il know-how di Boston Consulting Group, Google, GroupM, IBM, WPP.

Nasce a Bologna CDE, il centro per i manager dell'economia digitale
Nasce a Bologna CDE, il centro per i manager dell’economia digitale

La collaborazione fra le aziende dell’economia digitale e Bologna Business School si snoderà attraverso molteplici attività, fra cui la definizione dell’offerta formativa, borse di studio e l’arruolamento dei loro manager in veste di docenti, per assicurare un mix equilibrato di competenze accademiche e manageriali.

Il nuovo Center for Digital-Business Education (CDE) avrà sede a Bologna Business School. L’obiettivo consiste nel formare figure in grado di affrontare la sfida della trasformazione digitale: Web Analyst, Web Marketing Specialist, Big Data specialist, E-commerce Manager, Online Store Manager, Site Manager. Professionisti sempre più gettonati (le posizioni digitali registrano una crescita tra il 20% e il 27% anno su anno, a seconda della figura, con picchi che arrivano fino al 30%), ma che non si trovano facilmente a causa sdello skill-shortage: infatti l’offerta di lavoro supera la domanda. Insegnare gli e-skills necessari è dunque un’urgenza formativa.

Tra le nostre priorità c’è il continuo sostegno allo sviluppo delle competenze utili ai processi di digitalizzazione del Paese. Per assicurarlo, mettiamo a disposizione dei migliori Atenei capacità tecniche e manageriali che esprimono la forza di un network globale, maturata nei centri di ricerca e al fianco dei clienti di ogni industria. Qui a Bologna abbiamo trovato specificità accademiche e leadership d’impresa di primissimo piano, E tutto questo, ne sono sicuro, sarà prezioso per i giovani che si accingono ad avviare il loro percorso di formazione” – ha illustrato Enrico Cereda, CEO di IBM Italia.

La trasformazione digitale non si risolve, infatti, nell’agganciare a un business esistente un’App o un nuovo sito, ma si tratta di un cambiamento radicale – una rivoluzione copernicana – nel modo stesso in cui si opera.

In una società che vede le persone sempre più connesse, le aspettative nei confronti delle aziende stanno cambiando velocemente. Per questo è necessario formare professionisti con elevate competenze digitali, all’altezza delle sfide che ogni business deve affrontare. È con piacere che Google, già impegnata sul fronte della formazione in numerosi progetti, ha deciso di collaborare con Bologna Business School per promuovere questa trasformazione culturale.” – ha precisato Fabio Vaccarono, Managing Director di Google in Italia.

Il piano formativo si articolerà nei seguenti corsi, tenuti in lingua inglese (le iscrizioni apriranno ad aprile): Executive Master in E-Business; Master full-time in digital sales; Open Programs; Workshop & Lab;

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici