Nasce a Udine il comitato difesa clienti Elitel

NetworkProvider e servizi Internet

Lo scopo è raccordare e tutelare i clienti della compagnia telefonica colpiti
dalla sospensione improvvisa del servizio

Nasce a Udine il Comitato nazionale tutela utenti Elitel. Lo scopo è quello di raccordare e tutelare i clienti della compagnia telefonica colpiti, all’inizio dello scorso luglio, dalla sospensione improvvisa del servizio attuata da Telecom a causa della situazione di indebitamento di Elitel. Il comitato, secondo quanto riporta l’Aduc, è stato costituito nell’ambito della delegazione italiana dell’Associazione europea per la tutela del cittadino contribuente (Aec).

“Non appena il Tribunale di Milano si esprimerà in merito al riconoscimento dell’amministrazione straordinaria o della dichiarazione fallimentare di Elitel – ha spiegato Sergio Sambi, presidente della delegazione italiana di Aec – si dovranno inserire nello stato passivo tutti i nominativi delle persone danneggiate dall’interruzione del servizio e avviare le cause di risarcimento danno”.

Per agevolare la raccolta dei dati, il Comitato, coordinato da Franco Tavagnacco, ha attivato una serie di euro-sportelli presso diversi municipi e punti convenzionati presso ricevitorie del Lotto, edicole e librerie. Sono state anche attivate convenzioni con alcuni legali del foro di Udine, coordinati dall’avvocato Luca Ponti.

Società fondata da Elserino Piol e poi passata nelle mani di Vive la Vie e Telvia nel marzo 2007, Elitel è un gestore di telefonia fissa e trasmissione dati nato nel 2003 dalla fusione di una decina di gestori regionali.

Per saperne di più: Caso Elitel: una corsa a ostacoli

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore