Nasce Aieda e scatta la tutela degli azionisti di minoranza

Autorità e normativeSorveglianza

Nasce Aieda, l’Associazione Italiana per l’Esercizio dei Diritti degli Azionisti, di cui Dario Pardi è presidente. L’obiettivo è prevenire comportamenti potenzialmente abusivi da parte dei gruppi di controllo a danno degli interessi delle minoranze

Nasce Aieda, l’Associazione Italiana per l’Esercizio dei Diritti degli Azionisti, associazione no profit costituita da un gruppo di professionisti, manager e imprenditori, con l’intento di incoraggiare l’attivismo degli azionisti di minoranza delle società quotate italiane e la presentazione di liste di candidati indipendenti per l’elezione di componenti di minoranza degli organi sociali, anche attraverso la sollecitazione di deleghe. L’associazione, in sostanza,  nasce dalla volontà di riempire un vuoto nella governance delle Pmi quotate italiane. Infatti, sebbene il diritto societario attribuisca agli azionisti di minoranza, nell’ipotesi di presentazione di liste di minoranza, il diritto di nominare un membro del consiglio di amministrazione e il presidente del collegio sindacale, meno del 36% delle Pmi quotate nei mercati regolamentati italiani aveva, nel 2015, secondo dati Assonime, esponenti di minoranza, proprio a causa della mancata presentazione di liste.

Dario Pardi
Dario Pardi

La presenza di esponenti delle minoranze negli organi sociali costituisce uno strumento fondamentale per prevenire comportamenti potenzialmente abusivi da parte dei gruppi di controllo a danno degli interessi delle minoranze. Il Presidente di Aieda è Dario Pardi che ha commentato: “L’associazione costituisce una novità assoluta nel panorama italiano, e annovera nella sua mission, oltre alla presentazione di liste di candidati di minoranza indipendenti, anche la promozione e diffusione della cultura della buona governance, favorendo l’incontro e il dialogo tra gli amministratori di società quotate e gli azionisti di minoranza, nonché l’esercizio dei diritti sociali da parte di questi ultimi”.

In particolare, Aieda avvierà sollecitazioni di deleghe di voto, strumento fino a oggi non adoperato in Italia dagli azionisti di minoranza, per la presentazione di liste di candidati indipendenti, sulla base di criteri che garantiscano il rispetto di requisiti di onorabilità, correttezza, professionalità e indipendenza più stringenti di quelli richiesti dalla legge e dal codice di autodisciplina, con particolare attenzione al grado di competenza rispetto al ruolo per il quale ogni candidatura è presentata. L’iscrizione ad Aieda è aperta a chiunque (soci corporate, individual e sponsor).Logo Aieda

I soci fondatori sono, oltre a Pardi, Francesco Dagnino, Vicepresidente; Valentino Bravi; Claudio Caruso; Giancarlo Ciacciofera; Alessandro Dagnino; Nicolo Locatelli; Antongiulio Marti; Vincenzo Macaione e Federico Protto. Soci sostenitori sono LEXIA Avvocati, CDR Communication, Primus Capital e SIFA Press.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore