Nasce iGoogle

Management

La personalizzazione partirà da Personalized Home Page. Ma c’è intanto chi
chiede a Google maggiore sensibilizzazione degli utenti sulla sicurezza dei dati

Google sta per togliere i veli a un nuovo brand (anche se l’idea non è nuova), che sembra uscito dalle menti del marketing di Apple. Si chiameranno iGoogle i servizi legati alle Homepage personalizzate, che comprenderà strumenti per aiutare gli utenti a pubblicare i loro contenuti creativi. L’homepage personalizzata, che crea su misura una pagina Web di partenza del browser, includerà Gadget Maker e risultati di ricerca localizzati. La moda dell’home page personalizzata ha contagiato 10 milioni di utenti, oltre le previsioni dei fondatori Larry Page e Sergey Brin, e cresce più velocemente di Google Maps e perfino Gmail. Dopo il servizio Web History, che traccia e archivia ogni pagina Web visitata dagli utenti iscritti al servizio, Google continua sulla via della personalizzazione spinta. Ricordiamo che Web history è un servizio invasivo e l’utente che lo sceglie rinuncia alla propria privacy online. Inoltre nei giorni scorsi un semplice problema ai servizi Google ha cancellato le impostazioni personali relative al servizio Google Personalized Home: la notizia ha fatto scattare un nuovo campanello di allarme.I servizi remoti, come anche Calendar eccetera, devono essere utilizzati con maggiore consapevolezz a, e forse Google potrebbe maggiormente sensibilizzare gli utenti sulla sicurezza dei dati, per esempio suggerendo di non rendere pubblici login e password per l’accesso a vari servizi. Raccomandazioni che forse alla BigG sembrano superflue, ma forse non lo sono.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore