Patto Microsoft – Nokia: nasce Nokia Windows Phone 7

Aziende

Matrimonio d’interessi nel mercato smartphone: Nokia abbraccia Microsoft (e viceversa). Il Ceo di Nokia, Stephen Elop (ex manager del colosso di Redmond) e il Ceo di Microsoft, Steve Ballmer, annunciano un’alleanza il cui frutto sarà una nuova gamma di smartphone: Nokia Windows Phone 7. Le caratteristiche sono: Windows Phone sugli smartphone Nokia, Bing, Office, application store integrati e giochi di Xbox Live. Inoltre l’accordo fra Nokia e Microsoft semplificherà il patteggiamento con Apple nella guerra dei brevetti che si combatte nel mercato smartphone. Nokia porta in dote 11 mila invenzioni e, allo stesso tempo, finisce sotto l’ombrello protettivo di Microsoft (che ha da anni patteggiato con Apple sui brevetti). E intanto Nokia perde il 10% in Borsa, vediamo perché.

Il Ceo di Nokia Stephen Elop, dopo un Memo duro in cui dava una “strigliata” ai dipendenti sulla gestione passata, ha scritto una lettera aperta ai suoi per illustrare i vantaggi della partnership. L’alleanza strategica, annunciata dal Ceo di Nokia Stephen Elop (ex manager di Microsoft) e dal Ceo di Microsoft Steve Ballmer, riguarda Windows Phone, il motore di ricerca Bing, Office e soprattutto i giochi di Xbox Live. Nokia e Microsoft collaboreranno in varie iniziative marketing congiunte, convideranno la roadmap di sviluppo nell’evoluzione del Mobile. Inoltre gli utenti Nokia potranno effettuare ricerche su Bing e beneficiare dei servizi di adbertising di Microsoft adCenter (ricordiamo che Microsoft ha una partnership decennale con Yahoo!). Nokia Maps (frutto dell’acquisizione di Navteq) diventerà il cuore dei servizi di mapping di Microsoft. In Italia Nokia ha un accordo con Tim per comprare le apps scalando dal credito o addebitando l’importo in bolletta: i servizi Nokia Windows Phone si acquisteranno facilmente anche per chi vuole evitare l’uso della carta di credito. A trarne vantaggio sarà l’ecosistema:secondo Gartner quello delle Web apps è un mercato da 15.9 miliardi di dollari entro il 2012, in grado di trainare le vendite hardware, la spesa advertising e l’innovazione tecnologica.

I punti di forza di Windows Phone 7 sono tanti (l’ultimo update ha promesso il copia e incolla e la videochat stile Facetime, che mancavano al debutto). Per esempio se vi registrate su Zune.net avete a disposizioni 15 giorni di musica in streaming gratis (provate a farlo con iTunes, e se decidete di abbonarvi a Zune Pass potete ascoltare senza limitazioni in streaming tutti i brani che volete a 10 euro al mese, anche con lo smartphone. E per quanto riguarda la sicurezza potete decidere di impostare la possibilità di bloccare il telefono da remoto, o farlo squillare o cancellarne tutto il contenuto, navigando su Windowsphone.live.com.

La caratteristica più convincente al momento è la scelta di gestione dei contatti dei vari social network (Windows live, Facebook e di Outlook), unificata ma mantenendo la distinzione tra l’origine delle informazioni. Di rilievo per quanto riguarda lo smartphone e le personalizzazioni di LG segnaliamo l’applicazione ScanSearch in grado di individuare e localizzare su una mappa gli esercizi commerciali più vicini (sia con Bing sia con Google), ma anche le previsioni del tempo, caricabili semplicemente rivolgendo lo smartphone verso l’alto, se all’acquisto il vostro terminale non dovesse localizzare correttamente la posizione potete confidare nell’update dell’applicazione, rilasciato già alla fine di agosto ma la cui presenza ci è stata segnalata disponibile sul MarketPlace solo 48 ore dopo la messa in opera del device. Un’altra applicazione voluta da LG su Optimus 7 per Windows Phone 7 è Play To. Sfrutta la tecnologia DLNA e con il Wifi permette, dal telefono, di inviare direttamente a notebook e Tv i file da riprodurre.

Windows Phone7
Windows Phone7

Microsoft sigla l’accordo con Nokia per entrare nell’era Mobile con il vendor numero uno al mondo, anche se Nokia è in difficoltà (ha perso, secondo Gartner, il 60% del suo valore dal 2007) e in declino da vari trimestri, ma rimane il numero uno. I development tool di Microsoft saranno utilizzati per sviluppare applicazioni per l’ecosistema Nokia Windows Phone. I contenuti e l’application store (Ovi store) di Nokia saranno integrati in Microsoft Marketplace per offrire un ecosistema più ricco per gli tenti.

Ma da non sottovalutare è il portafoglio brevetti che, secondo il report di AllThingsD, porta in dote il patto Nokia-Microsoft: solo Nokia detiene 11.000 invenzioni da cui Microsoft potrà attingere, ma Nokia (accusata da Apple di violare brevetti) potrà usufruire dell’ombrello del patteggiamento Microsoft – Apple in tema di brevetti; inoltre sia Apple che Nokia hanno aperto un fronte contro Android, cosicché sarà più facile siglare un accordo cross-licensefra Apple e Nokia.

Patto fra Nokia e Microsoft
Patto fra Nokia e Microsoft

All’annuncio della partnehip strategica Nokia perde il 10% in Borsa. Questo succede perché, mentre il mercato smartphone cresce del 72% nel 2010 e Android fa un balzo dell’888,88% (fonte: Gartner), Nokia (secondo Bloomberg in declino del 60% per valore azionario) ha scelto Microsoft (in calo dall’8.7% al 4.2%) in un momento di reciproco impasse. Dunque la Borsa considerà sì la partnership strategica un matrimonio d’interessi, ma fra due colossi tuttora primi della classe nei rispettivi mercati, ma in “momento di riflessione”. È vero che Nokia, nonostante il sorpasso delle vendite di Android su Symbian, detiene lo scettro del mercato smartphone e cellulari. Windows Phone 7 ha venduto ad oggi 2 milioni di unità in pochi mesi, ma, essendo stato lanciato a fine ottobre, ha inciso poco sul market share, che nel 2010 è in calo dall’8.7% al 4.2%. Ma adesso Microsoft e Nokia, primo vendor al mondo, uniscono le forze per superare le vecchie debolezze e riconquistare le posizioni perdute in questi anni. Prima iPhone e poi Android hanno messo sotto pressione Symbian e l’ex Windows Mobile su Microsoft. La speranza è che l’unione fra due colossi, in cerca di nuovo smalto nel mercato Mobile (nel quarto trimestre Idc ha registrato il sorpasso del mercato smartphone su quello Pc), faccia davvero da leva per i bilanci di entrambi i colossi.

Nokia ha annunciato che il biennio 2011 – 2012 sarà “di transizione”, ma che nel lungo termine i margini operativi della divisione ‘devices and services’ supereranno del 10% il mercato.

Punti di forza del patto vanno anche cercati nella (sanguinosa) guerra dei brevetti. Nokia ha da mesi una disputa aperta con Apple: all’inizio Nokia ha chiesto a Apple un miliardo di euro di danni per violazione brevetti da parte dell’iPhone; la Mela di Cupertino, guidata dal Ceo Steve Jobs, ha risposto contrattaccando Nokia con analoghe accuse di violazione brevetti. L’importanza della proprietà intellettuale di Nokia e Microsoft (ora alleati) avrà implicazioni anche in tribunale. Nokia e Microsoft hanno infatti una visione strategica affine sulla proprietà intellettuale, e potranno usarla contro i loro rivali. Se Nokia e Apple faranno pace, sarà merito di questo patto fra Nokia e Microsoft.

Gartner illustra il mercato Smartphone OS
Gartner illustra il mercato Smartphone OS
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore