Nascerà Fujitsu Technology Solutions

AziendeMercati e Finanza

Dal primo aprile, Fujitsu rileverà la quota azionaria che Siemens detiene nella joint-venture Fujitsu Siemens Computers e darà vita alla nuova Fujitsu Technology Solutions. In una intervista, Pierfilippo Roggero – attuale amministratore delegato in Italia – parla di strategie

Mentre la prima linea tecnologica di Fujitsu Siemens Computers è impegnata al Cebit di Hannover a proporre la svolta della società verso soluzioni e servizi orientati al cloud computing, la prima linea manageriale è altrettanto impegnata a preparare il mercato, i clienti e i dipendenti alla svolta azionaria che dal primo aprile prossimo , in coincidenza con la chiusura dell’anno fiscale, vedrà la giapponese Fujitsu subentrare a Siemens nel 50% della quota azionaria che la tedesca detiene nella joint venture Fsc.

Siemens sta dunque per liberarsi anche ufficialmente dall’ultimo grosso legame con il mondo dell’Ict, ormai marginale rispetto agli interessi del suo core business attuale.

“ La joint venture tra Fujitsu e Siemens che ha dato vita a Fujitsu Siemens Computers –spiega Pierfilippo Roggero, senior vice president Southern and Western Europe, a eweekeurope.it – prevedeva un momento in cui entrambe le società potevano riconsiderare le attività della joint venture, prima della scadenza del decennio di vita. Questo è avvenuto sul finire dello scorso anno”.

Lo scorso ottobre Siemens ha, infatti, deciso di uscire dalla joint venture costituita il 1 ottobre 1999 e, a partire dal 1 aprile 2009, Fujitsu acquisirà la quota del 50% detenuta da Siemens.

Dal 1 aprile Fujitsu Siemens Computers entrerà quindi in un mercato internazionale– quello in cui opera Fujitsu – in cui porterà la propria offerta di servizi e il proprio know how tecnologico, ma in cui dovrà anche affrontare nuove e complesse sfide.

Primo passo per far fronte a questa nuova realtà è stata all’inizio dell’anno la creazione di macroregioni di mercato da affiancare al ramo tecnologico che gestisce lo sviluppo e la produzione di soluzioni e servizi. Alla guida di una di queste regioni, che comprende Italia, Francia, Benelux e Penisola Iberica, è stato nominato Pierfilippo Roggero, che mantiene la carica di presidente e amministratore delegato di Fujitsu Siemens Computers Italia, ma che è diventato anche Senior Vice President Southern and Western Europe. Questa regione ha realizzato un fatturato di 1,3 miliardi di euro all’interno di un fatturato complessivo delle sei regioni che vale circa 6,7 miliardi.

Roggero tiene a sottolineare il significato positivo per clienti e per dipendenti dell’ingresso di Fujitsu Siemens all’interno di Fujitsu, un gruppo che controlla un fatturato che si aggira attorno ai 50 miliardi di dollari , tutto dedicato alla tecnologia It. Mentre per Fujitsu Siemens si prevede per l’anno che si chiuderà a marzo un fatturato in contrazione,Roggero rivendica alla sua società il fatto di aver protetto negli anni una sua profittabilità, anche se anch’essa in contrazione e forse non sufficiente per convincere a restare nella compagine azionaria.

Ma guardando in avanti , v erso un processo di transizione di brand, focalizzazione e linee di prodotto che impegnerà la nuova azienda per diversi mesi , Roggero dichiara che “ i diversi insediamenti produttivi tedeschi manterranno un ruolo centrale nella strategia “.

I prodotti ex Fsc nell’area server rimarranno e anzi i server della nuova società saranno prodotti in Europa per tutto il mercato mondiale al di fuori del Giappone. In Europa Fujitsu Siemens Computers, con sede in Olanda, acquisirà una nuova denominazione tutta Fujitsu, mentre eweekeurope.it è in grado di rivelare che ci saranno unità controllate, Fujitsu Technology Solutions, che offrirà soluzioni per l’infrastruttura It più servizi gestiti, e Fujitsu Services (dedicata ai servizi applicativi).

Egualmente pronto è un nuovo brand Fujitsu che qualificherà le diverse linee di prodotto, i server Primergy e PrimeQuest e i personal computer portatili Lifebook ed Esprimo.

Mentre sulla linea server e servizi le decisioni sono state già prese , sulla linea dei personal computer sono attese ancora alcune messe a punto operative. In prospettiva – confida Roggero- l’intera offerta client verrà riconsiderata alla luce delle nuove esigenze della clientela aziendale ormai orientata verso forme spinte di virtualizzazione dei computer concessi in dotazione ai propri dipendenti:“Qui per loro conta sempre meno l’hardware e sempre più i servizi erogati anche tramite cloud computing”.

Da tempo Fujitsu Siemens si era riconfigurata verso nuove aree di offerta riguardanti soluzioni di infrastruttura It e servizi: queste saranno mantenute e potenziate dalla nuova Fujitsu Technology Solutions che punta su cloud computing, storage e virtualizzazione come tecnologie di nuova focalizzazione .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore