Nascerà il nuovo Garante Tlc europeo

Autorità e normative

Unione Europea e governi nazionali potrebbero finanziare il nuovo garante europeo per le telecomunicazioni

L’Unione europea vara il nuovo Garante Tlc europeo ? Ancora no, ma qualche passo in avanti sembra esserci. Ue e governi nazionali finanzieranno il nuovo garante europeo per le telecomunicazioni. Nei giorni in cui la Rete italiana è in fibrillazione per sapere se finalmente Telecom Italia sia al lavoro sullo scorporo della ret e fissa (o solo sull’ingresso di nuovi soci ), in Europa si decide per un nuovo organismo per le Tlc, che possa fare da supergarante secondo i progetti del Commissario Viviane Reding. In realtà gli stati nazionali non hanno mai appoggiato l’idea del regolatore unico.

Infatti, stando alle indiscrezioni di queste ore (riportate da Reuters), più che un supergarante Tlc, la Ue potrebbe varare una figura più sfumata e all’acqua di rose: non il modello forte della Bce o Banca comune europea, sognato dalla Reding, ma un regolatore pan-europeo più “annacquato”. Se infatti sarà finanziato non interamente dalla Ue, bensì in parte dai governi nazionali, la Reding teme che sarà meno indipendente dei piani “sulla carta”.

La Ue ha in cantiere l’Authority Tlc unica, pan-europea, da tempo, e l’idea ha trovato anche l’approvazione, almeno in astratto, del nostro Garante, Corrado Calabrò.

Leggi anche: Sfuma il regolatore unico europeo Tlc

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore