Negli Stati Uniti la forza lavoro del settore high-tech perde 560.000 unità in due anni

Workspace

I dati di una ricerca pubblicata dalla American Electronics Association (AeA) relativi al periodo gennaio 2001/dicembre 2002.

La ricerca è stata basata sui dati delle assunzioni/licenziamenti mensili del Bureau of Labor Statistics statunitense. La American Electronics Association è una delle più importanti associazioni del settore high-tech e rappresenta oltre 3000 compagnie. Lindustria high-tech ha ridotto la propria forza lavoro di 560.000 unità, con assunzioni diminuite dai 5,7 milioni a gennaio 2001 ai 5,1 milioni a dicembre 2002. Le assunzioni nel settore tecnologico manifatturiero sono diminuite di 415.000 unità, perdendo il 20% tra gennaio 2001 e dicembre 2002. Lindustria nazionale dei servizi di comunicazione ha subito una perdita del 9% dei propri impiegati, pari a 135.000 unità durante il periodo di riferimento. La ricerca ha rivelato inoltre che lindustria alimentare e la produzione di sistemi di trasporto assume attualmente più forza lavoro dellindustria manifatturiera high-tech, che finora era stato il settore trainante negli Stati Uniti William T. Archey, presidente e CEO dell?;AEA, ha commentato i risultati della ricerca dicendo che il dato positivo si trova nel settore software, dove le assunzioni sono cresciute di 5,300 unità, dato che ha a che vedere con il che molte delle innovazioni nel settore high-tech sono trainate dal software.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore