Negli USA gli acquisti si fanno con lo smartphone

AziendeE-commerceE-paymentMarketing
PayPal sfida le carte di credito e i pagamenti via smartphone

Oltre 50 milioni di clienti PayPal negli USA potranno fare shopping in mobilità con i telefonini evoluti. Le potenzialità del m-commerce in Italia e nel mondo

eBay ha annunciato che oltre 50 milioni di clienti PayPal negli USA potranno fare m-commerce facendo acquisti con lo smartphone.

L’accordo di collaborazione con Discover consentirà di ampliare i servizi di PayPal ad oltre 7 milioni di esercizi commerciali negli Stati Uniti. Dunque, milioni di punti vendita in tutto il mondo nel prossimo futuro verranno coinvolti. A partire dal 2013,  grazie alla partnership con Discover, gli  esercenti potranno adottare PayPal come sistema di pagamento per i propri clienti. L’accordo permetterà ai 113 milioni di utenti attivi del servizio di eBay di sfruttare i vantaggi, come rapidità ed affidabilità, di PayPal anche offline e in qualsiasi momento. Gli esercenti non dovranno installare software o hardware aggiuntivi, ma potranno mantenere gli apparecchi già in uso, mentre gli utenti troveranno nei negozi la segnalazione dei punti vendita che usano PayPal via smartphone.

PayPal prepara la risposta a Google Wallet, il borsellino elettronico di Google, mai decollato perché troppo complesso e privo di una strategia chiara. Ancora non si sa se PayPal utilizzerà o meno tecnologia NFC: anzi, sembra di no. Secondo recenti indiscrezioni, PayPal Here sfiderà i concorrenti come la start-up Square con un device che aiuta gli esercenti ad accettare le carte di credito e debito da dispositivi mobili. Si potrebbe trattare di un piccolo triangolare lettore di carte con un’applicazione mobile da aggiungere al cellulare. Il gadget funziona sia con iPhone che (presto) con Android. E permetterà ai commercianti di accettare carte di credito in questa sempice modalità. Pioniere di questo approccio è Jack Dorsey di Square, e differisce da altri approcci che preferiscono equipaggiare i dispositivi di chip Near field communications (NFC). PayPal di recente ha affermato che la sicurezza verrà assicurata dalla cifratura delle informazioni tramite card reader triangolare, prima di inviare la transazione alla PayPal app su smartphone. PayPal tratterrà per sé il 2.7% sul prezzo d’acquisto. Semplificherà il processo dei pagamenti, consentendo ai commercianti di chiedere una PayPal debit card, andare presso un bancomat (ATM), e ritirare il denaro accumulato grazie alle vendite.

Ma per i pagamenti mobili, non è in pole position solo PayPal, il colosso dei pagamenti online. Altri vendor scommettono sulla tecnologia NFC. Nelle ultime ore è apparsa la foto del presunto chip NFC (tecnologia Near field communication) del prossimo iPhone 5. Come già  Galaxy S III o il Galaxy Nexus di Samsung. Anche Lg Optimus 4X Hd include connettività Nfc. E il prossimo Windows Phone 8 supporterà la tecnologia NFC: a Nokia World vedremo un Lumia pronto per l’innovazione del portafoglio digitale. Sta dunque per aprirsi l’era dei pagamenti in mobilità, detti m-payments o pagamenti wireless. Sempre Samsung sembra intenzionata a lanciare un nuovo tablet da 11.8 pollici, con super risoluzione (2560 x 1600 pixel) e tecnologia NFC. Panasonic ha presentato in Giappone alcuni elettrodomestici con NFC, utilizzata per controllare i consumi energetici via smartphone.

Ma quali sono le potenzialità dei pagamenti wireless? Innanzitutto in Italia risolvere i micropagamenti via cellulare, in un paese dove circolano oltre 20 milioni di smartphone, azzererebbe l’uso dei contanti, spingendo su una maggiore fedeltà fiscale: l’odioso fenomeno dell’evasione tenderebbe a scomparire, almeno nei micropagamenti, se gli utenti pagassero con sistemi tracciabili invece che con il contante.

Juniper Research ritiene che un cellulare su cinque sarà dotato di un chip NFC entro il 2014, per raggiungere i 300 milioni di smartphone NFC entro il 2014.

PayPal Here per pagamenti via smartphone
PayPal Here sfida Square nei pagamenti via smartphone
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore