Negli Usa Microsoft cerca tester per Live Mesh

Management

Microsoft apre le porte ai tester statunitensi del servizio di file sharing e sincronizzazione

Microsoft apre le porte ai tester statunitensi per Live Mesh , il progetto di cloud computing dello Chief software architect, Ray Ozzie. Però, secondo InformationWeek , non aprirebbe ancora a tutti, ma solo raddoppierebbe i tester, da 10mila a 20mila. Live Mesh è un servizio di file sharing e sincronizzazione folder: un tool di sincronizzazione e di accesso da remoto. Live Mesh rappresenta il progetto di punta della strategia di Microsoft nel Software Più servizi. Grazie a una combinazione di client software, servizi, tool per sviluppatori, Live Mesh permetterà ad utenti e sviluppatori di sincronizzare dati tra dispositivi e Web, in modo automatico o manuale, ma anche consentirà di condividere contenuti, offrire a ccesso remoto a dispositivi connessi a Internet, creare Web apps accessibili anche offline, e client apps in grado di connettersi a servizi Web.

In futuro i servizi Windows Live otterranno maggiore integrazione con il sistema operativo, a partire da Windows 7, l’erede di Vista: Windows 7 e 8 saranno più integrati col cloud computing e cioè con i servizi e contenuti e da remoto.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore