Negli USA NSA spia tutti, via cellulare ma senza backdoor

Autorità e normativeMarketingSicurezzaSorveglianza
EFF lancia The Day we fight back, la protesta contro NSA

National Security Agency (NSA) ha spiato milioni di utenti dell’operatore mobile Verizon, ma non ha accesso alle backdoor dei giganti del Web. L’American Civil Liberties Union (Aclu) ha definito l’ordine “orwelliano”, mentre la Progressive Change Campaign Committee ha lanciato una petizione al Congresso

Milioni di utenti dell’operatore mobile Verizon sono stati spiati negli Stati Uniti. Numeri, orario e durate delle chiamate: tutto registrato ed archiviato. La Casa Bianca ha giustificato l’accaduto sulla base di un ordine segreto emanato da un tribunale lo scorso aprile e difende la decisione top secret adducendo “motivi di sicurezza” per contrastare il terrorismo. L’ordine segreto ha lasciato mano libera alla National Security Agency  (NSA) per registrare le chiamate, sia domestiche che transoceaniche, secondo il Guardian, su “base giornaliera”. L’FBI ha ottenuto l’ordine dalla Foreign Intelligence Surveillance Court (Fisc), i cui incontri avvengono a porte chiuse e raramente diventano pubblici.

L’amministrazione del Presidente Barack Obama, già sulla graticola per il caso dell’Associated Press e della Fox, difende l’operato, ma è finita nell’occhio del ciclone dell’opionione pubblica americana. L’ordine è basato sulla controversa Sezione 215 del Patriot Act, voluto dall’ex presidente americano George W. Bush.

L’American Civil Liberties Union (Aclu) critica l’ordine in quanto “orwelliano“, mentre la Progressive Change Campaign Committee ha lanciato una petizioneal Congresso.

Nel marzo 2012, la rivista Wired scrisse che National Security Agency (NSA) aveva ideato un sistema di cyber-sorveglianza di massa, dalle grandi ambizioni. NSA avrebbe costruito addirittura una fabbrica top-secret da 2 miliardi di dollari in Utah. L’apparentemente Utah Data Center sarebbe in realtà una copertura di NSA, un mega archivio per una quantità incredibile di dati sia pubblici che privati, sia di cittadini USA che stranieri: dati provenienti dalle ricerche su Google, acquisti online di prodotti, email e chiamate telefoniche intercettate. Verrebbero perfino intercettate le comunicazioni satellitari. Dal 2001 ad oggi sarebbero stati intercettati da 15 a 20 trilioni di comunicazioni. Poiché in parte sono comunicazioni cifrate, con sistemi proprietari o Advanced Encryption Standard, NSA avrebbe predisposto “Multiprogram Research Facility”, detto Building 5300, un supercomputer ideato per decrittarei messaggi cifrati. Lo Utah Data Center sarà attivo dal settembre dell’anno prossimo. Obiettivo: le comunicazioni di chiunque.

Secondo il Washington Post, l’ordine di sorveglianza telefonicasembra un atto di routine di rinnovamento di una direttiva emessa per la prima volta dalla stessa corte nel 2006“. Nel 2010 ITespresso.it riportava che National Security Agency (NSA) statunitense avrebbe messo in cantiere un nuovo sistema di cyber-spionaggio, un progetto di monitoraggio domestico segreto (secret domestic surveillance) chiamato “Perfect Citizen” (letteralmente: Il cittadino perfetto), con lo scopo di monitorare e proteggere importanti infrastrutture nazionali come le power grids per l’energia e i sistemi di trasporto. Un Grande Fratello (Big Brother) in grado di occuparsi di cyber-monitoraggio e tecno-controllo.

UPDATE: In realtà NSA spieebbe tutti i Big IT. National Security Agency (NSA) ha accesso via backdoor a Apple, Microsoft, Yahoo, Facebook e tutti i gigante del Web. Le grandi aziende permettono a National Security Agency di effettuare ricerche in exabyte di dati confidenziali tenuti dalle aziende. Lo riporta il Washington Post. Si tratta del programma chiamato in codice PRISM.

NSA ha spiato milioni di cellulari sotto contratto Verizon @shutterstock
NSA ha spiato milioni di cellulari sotto contratto Verizon
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore