Nel 2012 due impianti energetici USA sono stati colpiti dai malware via USB

CyberwarMarketingSicurezzaSoluzioni per la sicurezza
Infastrutture critiche USA sotto attacco malware via USB @ shutterstock

Le chiavette USB sono causa della diffusione dei malware. Un attacco malware via USB ha colpito infrastrutture critiche negli USA

Le chiavette USB sono spesso causa della diffusione dei malware. Un attacco malware via USB ha colpito nel 2012 infrastrutture critiche negli USA. Sono due gli impianti elettrici negli Stati Uniti che l’anno scorso sono stati nel mirino di attacchi comuni e sofisticati. Lo riporta la newsletter trimestrale dell’Industrial Control Systems Cyber Emergency Response Team (ICS-CERT). I malware hanno colpito gli impianti a causa di chiavette USB infette.

ICS-CERT prevede un incremento di questa tipologia di attacchi nel 2013. I malware sono sfruttati dai cyber-criminali per conquistare accesso remoto ai sistemi. Le autorità avrebbero scoperto l’attacco quanto un impiegato ha chiesto di ispezionare la propria chiavetta USB, dopo averne verificato un uso a intermittenza nelle operazione drive. In un altro impianto lo USB-drive era infettato da “crimeware“. ICS-CERT non si dilunga sul malware, ma chiede di rivedere l’utilizzo di media removibili. La sicurezza non può essere presa sottogamba. Vanno ridotti i rischi d’impatto di cyber-eventi. Già nel 2010 Stuxnet ha messo fuori uso impianti nucleari in Iran. Symantec ha scoperto che Stuxnet è stato realizzato ad hoc, per mettere a Ko centrifughe e sistemi per arricchire l’uranio. Infine, già da anni l’esercito USA ha chiuso le porte alle chiavette USB per motivi di sicurezza.

Navighi nel Web in sicurezza? Mettiti alla prova con un QUIZ!

Sai tutto su USB? Misurati con un QUIZ!

Infastrutture critiche USA sotto attacco malware via USB @ shutterstock
Infastrutture critiche USA sotto attacco malware via USB
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore