Nero 8 è pronto all’alta definizione

Management

Il più diffuso software di masterizzazione ormai è una completissima suite per contenuti multimediali. L’ultima edizione migliora l’interfaccia e gestisce dischi Blu-ray e HD

Il più diffuso software di masterizzazione ormai è una completissima suite per contenuti multimediali. L’ultima edizione migliora l’interfaccia e gestisce dischi Blu-ray e HD.

Anche Nero, come altre applicazioni popolari, ha ceduto alla tentazione di aggiornare a un solo anno di distanza il suo pacchetto, offrendo comunque uno sconto per chi ha già acquistato l’edizione 7.

Il pacchetto completo pesa circa 180 MB, e può essere scaricato in meno di venti minuti da una connessione a banda larga. Sotto Vista l’installazione procede senza intoppi, a parte il rischio di installare anche la Ask search toolbar nel browser se avanzate troppo rapidamente e non vi accorgete della finestra di dialogo che la propone per default.

Con l’installazione personalizzata è possibile scegliere quali componenti installare da una lista che ormai è diventata piuttosto lunga: oltre a Burning Rom ed Express ci sono BackItUp, CoverDesigner, MediaHome, PhotoSnap, Recode, Showtime, SoundTrax, Vision e Wave Editor, più i tool BurnRights, DiscSpeed, DriveSpeed, InfoTool, RescueAgent e Scout.

C’è poi la possibilità di associare alle applicazioni di Nero 8 qualsiasi tipo di file multimediale. Le estensioni sono così tante che sono state raggruppate in un pannello suddiviso tra foto, video e musica, che ha anche una sezione anteprima per specificare di quali file dovrà essere Nero a occuparsi anche della visualizzazione in anteprima, al posto di Windows.

Tutte le funzionalità a 360 gradi del pacchetto, che in gran parte si sovrappongono a quelle già disponibili in Vista, specie nella edizione Home Premium, hanno richiesto agli sviluppatori uno sforzo notevole per migliorare interfaccia e integrazione. La strada intrapresa è corretta, ma troppa carne al fuoco può ancora disorientare.

Il pannello di controllo di StartSmart è stato infatti completamente ridisegnato: è più grande e leggibile e non consente solo di accedere alle singole applicazioni della suite, ma di eseguire direttamente al suo interno le operazioni di masterizzazione più comuni, perdendo quel ruolo un po’ da ?telecomando? e cominciando ad assumere una funzione più vicina a un’interfaccia integrata.

C’è poi una seconda interfaccia integrata, che è quella di Nero Home, ovvero l’alternativa al Media Center di Microsoft, ora in dotazione nelle versioni più complete di Vista. Rispetto a questo, Nero Home è decisamente meno ergonomico e gradevole da usare, ma molto più completo e customizzabile. Offre infatti molte possibilità in più per visualizzare contenuti multimediali che non rientrano nel paniere del sistema Microsoft, ed è totalmente personalizzabile. Permette tra l’altro lo streaming audio/video verso Xbox 360 e PS3.

Le nuove caratteristiche di Nero 8 riguardano soprattutto l’adeguamento alle tendenze emergenti nel mondo dell’audio/video, a partire dall’alta definizione. È supportato lo standard AVCHD adottato da molte nuove videocamere digitali, e vengono completamente gestiti i dischi Blu-ray, sia in riproduzione che in masterizzazione. Dove permesso dai sistemi di protezione anticopia, i formati in alta definizione possono essere anche ricodificati per usarli su diversi device. Particolare attenzione è stata posta ai dispositivi portatili, iPod, PSP e altri, verso i quali esistono appositi profili di conversione. Per i cellulari è invece necessario acquistare a parte il pacchetto Nero Mobile Pro (14,99 euro), che nella suite è presente in versione trial.

Sul fronte della gestione dei dati le novità non sono molte, solo qualche ritocco come la possibilità dei creare dischi di boot per Linux, e di aggiungere ai contenuti firme digitali con SecurDisc, oltre al RescueAgent per recuperare file cancellati dai supporti ottici.

Nero 8 costa 59,99 euro in versione download (10 euro di sconto rispetto all’edizione su supporto ottico). Per gli aggiornamenti è previsto un prezzo variabile a seconda del pacchetto posseduto. Bisogna inserire nell’apposita pagina Web il numero di serie e si ottiene un prezzo personalizzato. Da Nero 7 Premium abbiamo ottenuto 47,99 euro (12 euro di sconto).

Prima di acquistare il pacchetto è comunque consigliabile scaricare la versione trial, completamente usabile per 15 giorni, a questo link, che potrà poi essere sbloccata acquistando semplicemente un numero di serie.

Consigliamo l’aggiornamento soprattutto a chi vuole maneggiare file ad alta definizione, è stanco della vecchia interfaccia o sta passando a Vista. Per il resto le versioni 6 e 7 del pacchetto fanno ancora egregiamente il loro dovere, almeno sotto XP.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore