“Nero Lite” e “Nero Micro": qualche volta piccolo è meglio

Management

I due prodotti non ufficiali testimoniano che c’è bisogno, nel mercato, di
installer di dimensioni più contenute

QUALCUNO preoccupato dalle dimensioni sempre crescenti della popolare applicazione di masterizzazione Nero, ha deciso di metterci le mani, realizzando versioni non ufficiali chiamate ?Nero Lite? e ?Nero Micro?. Ricordo il tempo in cui Nero, sempre distribuito insieme a ogni decente masterizzatore, era una piccola ed efficiente applicazione. Eseguiva bene il suo lavoro, con un motore solido e un’interfaccia gradevole. Ma negli ultimi anni le dimensioni di questa applicazione sono cresciute considerevolmente, fino ad arrivare all’ultima edizione 7.7.5.1, distribuita il mese scorso, che ci ha costretti a un download di 190 MB, senza contare i file di help e la raccomandazione addizionale d disporre di almeno ?1 GB di spazio di disco rigido?, per consentirne l’installazione completa. Quella che, all’inizio, era un’applicazione di masterizzazione per CD e DVD piccola e agevole è divenuta una enorme struttura composta dall’applicazione originale di burning, con, in aggiunta, “Nero Express “, “Nero CoverDesigner”, “Nero WaveEditor”, “Nero Toolkit”, “Nero Vision”, ” Nero Recode”, “Nero PhotoSnap”, “Nero BackItUp”, “Nero ImageDrive” ed alcune altre di cui probabilmente mi sono dimenticato. L’installer di “Nero Micro “ Sebbene un download da 190 MB possa non suonare come un grande impegno, molte persone, come amministratori di sistema o utenti con piccole LAN casalinghe, gradiscono scaricare solo una volta il software e, successivamente, spostare l’installer su un drive per eseguire aggiornamenti alle altre macchine. E non suona certo piacevole, per costoro, utilizzare circa il 20% di un drive rimovibile da 1 GB solo per ospitare un’applicazione di masterizzazione. Quando la versione 7.7.5.1 è stata realizzata il mese scorso, la comunità dei CD-freak ha mostrato molta insoddisfazione, con commenti, da parte di un utente, del tipo: ?Ormai, Nero si è ingrassato con tanta di quella roba indesiderata, che anche installando solamente il motore di masterizzazione ha bisogno di un quantitativo enorme di spazio. E sembra che gli altri sviluppatori di software non siano da meno, come se farli crescere di dimensione li facesse sembrare migliori?. Una fase dell’installazione di “Nero Micro” v7.7.5.1 L’utente preoccupato conclude il suo intervento dicendo ?Credo che il produttore dovrebbe prendere in considerazione la realizzazione di una versione di base simile a quella iniziale, semplice piccola e veloce ?. E si tratta di un punto di vista che ci sentiamo di condividere, almeno in buona parte, specialmente per la piattaforma Windows, dato che la versione Linux dello stesso programma in confronto è decisamente più piccola. Una ricerca su Google ha rivelato qualcosa di inaspettato: ?Nero Lite? e ?Nero Micro?. Ma le sorprese maggiori sono state quando ho cercato di vedere chi aveva realizzato queste versioni? e ho scoperto che non erano firmate. Così eccoci di fronte all’ironia di una versione non ufficiale e non autorizzata di un installer Nero 7.7.5.1. Queste release occupano circa un quinto e un decimo dell’applicazione originale, vale a dire 35 Mb e 13 Mb per la prima e la seconda applicazione rispettivamente; un bel colpo a confronto con il prodotto originale di 190 MB per l’ambiente completo, così come distribuito dal produttore. Ovviamente, l’utente avrà ancora bisogno di un numero di serie legale per eseguire l’installazione definitiva. Il vero problema: Nero 7 è una lunga raccolta di prodotti concorrenti L’idea di realizzare un “Nero 7 Lite? e un “Nero 7 Micro” sembra essere nata già da qualche tempo. Le ultime versioni, datate 24 febbraio 2007, sono disponibili a questo link Il software Nero 7 Lite e Micro disponibile Mentre alcuni esperti prestigiosi e influenti affermano che l’ingrossamento del software non esiste e alcuni di essi vanno tanto lontano da affermare che questa crescita è un vero e proprio mito, ritengo che la semplice esistenza di versioni come ?Nero Lite? e ?Nero Micro? testimoniano egregiamente che c’è bisogno, nel mercato, di installer di dimensioni più contenute. Invece di ostacolare coloro che auspicano la presenza di applicazioni di dimensioni più ridotte, penso che Nero dovrebbe fare la cosa giusta, e cominciare ad offrire versioni ?leggere? e ?ridotte?. Nel frattempo, chi avesse veramente bisogno di un Nero ragionevolmente piccolo, farebbe bene a seguire un detto dei miei vecchi tempi che recitava ?GIWCY ? Grab It While You Can” ovvero “prendilo finché sei ancora in tempo?. Altre informazioni le trovate qui .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore