Net-attivisti alla crociata per il web gratuito

NetworkProvider e servizi Internet

Migliaia di tecnici in tutta Europa stanno fondando comunità wireless per rendere finalmente gratuito laccesso ad internet

Gruppi di diversa entit – dalle famiglie singole alle centinaia di persone – condividono lidea di una connessione di rete wireless gratuita come laria che si respira. Alla base del movimento la volont di liberare le persone dallobbligo del pagamento mensile per laccesso ad internet. Uno dei movimenti per il web libero nato nel Regno Unito con il nome di Consume. guidato da James Stevens, che sostiene che chiunque pu crearsi un proprio punto daccesso alla rete e collaborare alla creazione di una comunit wireless. Chiunque abbia minime competenze tecnologiche pu acquistare una stazione di base per poche sterline che serva a coordinare una rete wireless. A questo punto, qualunque utente voglia accedervi ha bisogno semplicemente di una carta, per collegare il suo portatile alla rete, che non dovrebbe costare pi di 100 sterline . Le reti wireless utilizzano adattatori a microonde radio conosciuti come WiFi, che possono essere adattate in modo da produrre una continua nube di connettivit. Questo loop altrimenti conosciuto con il nome pan-europeo di elettrosmog. Qualunque portatile fornito di una speciale scheda di rete wireless cercher e si connetter automaticamente a questa nube nel raggio di centinaia di metri. Gli entusiasti a capo delle comunit wireless usano sovente segnare con il gesso sulle strade i punti di accesso pi vicini. I gruppi si occupano anche di mostrare agli altri come condividere connessioni di rete, software e esperienze sulle reti senza fili. Stevens aggiunge Le reti gratuite sono di propriet degli utenti che le costruiscono, nessun modello di interesse commerciale pu sopravvivere in questottica. superfluo dire gli utenti saranno liberati dai costi, ma non ci sono motivi di profitto. La comunit Wi-Fi sostiene che liniziativa del tutto legale, in quanto si utilizza letere che gratuito. A San Francisco, gruppi Wi-Fi si servono dei coffe shop per offrire accessi ad internet. Si pu navigare senza avere cavo inserito in un telefono o litigare con un dedalo di cavi connessi al PC. Secondo Stevens in Europa il Wi-Fi ha caratteristiche diverse. I modelli statunitensi sono focalizzati su una ridistribuzione di servizi commerciali su internet con punti di accesso broadband dislocati nei parchi pubblici, nelle piazze, nei campus universitari. In Europa il modello basato sulla connessione tra singole persone, organizzazioni o istituzioni in cui laccessoa ad internet solo uno dei servizi offerti. Molte comunit europee offrono sistemi di file sharing locali, servizi di streaming, di mail e accesso a siti web ai loro utenti wireless. Alcuni sostenitori prevedono che, se sufficienti nubi si uniranno, potranno rimpiazzare le sopravvalutate reti di terza generazione (3G), le costose frequenze acquistate da molte societ di telecomunicazioni europee. Le reti 3G promettono accessi veloci ad internet dovunque e in ogni momento. Ma c chi dice che la tecnologia Wi-Fi pu garantire la maggior parte delle funzionalit 3G ad un costo decisamente inferiore. Il professore americano Nicholas Negroponte, fondatore del media lab del Mit, uno dei pi convinti assertori del Wi-Fi e ha recentemente giudicato la tecnologia su cui si basano i telefoni cellulari 3G come non sufficientemente valida. In un intervista rilasciata alla rivista americana wired ha dichiarato Non vedo caratteristiche sufficienti per giustificare di fronte ai consumatori lutilit del passaggio dai GSM ai 3G. Spera che lindustria possa fare a meno del 3G. Ma il Wi-Fi non esente da problemi. Non progettato per la comunicazione vocale, la copertura non uniforme, secondo quanto dice Richard Dineen, capo analista della societ britannica di consulenze Ovum. Credo che il Wi-Fi debbe essere complementare al 3G. E aggiunge, in merito ai gruppi di entusiasti del Wi-Fi, che questi dimenticano la difficolt insita nella gestione di un network pubblico. Creare una rete casalinga decisamente diverso che crearne una pubblica. C bisogno di un ottimo livello di amministrazione della rete e software che evitino che le reti domestiche si approprino di tutta la banda larga disponibile.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore