Netapp: la virtualizzazione dello storage è una necessità di gestione

CloudServer

Vmware lancia vSphere e Netapp lavora al modulo vStorage

Le soluzioni di virtualizzazione di Netapp per i data center rientrano nel programma della società di garantire, anche in modo formale, che gli utenti possano ridurre almeno del 35% le loro installazioni di storage che hanno già in casa , anche se fornite dal altri costruttori. Come spiega a eweekeurope.it Andreas Koenig, general manager Emea di Netapp, non si tratta per Netapp di vendere più hardware, ma far lavorare al meglio le soluzioni di gestione dello storage. Qui l’offerta di Netapp prevede la gestione di hardware di tipo eterogeneo, da quello di Emc a quello di Hds, attraverso un layer di virtualizzazione: “ Uno strato di gestione per ogni tipo di storage è quanto ci chiedono i nostri clienti. E con questo garantiamo la riduzione dei costi”.

Vsphere, la nuova architettura di virtualizzazione dei data center annunciata da Vmware a Vmworld Europe, prevede un modulo specifico , denominato vStorage, per la gestione dello storage. Questo modulo , che non è ancora diventato una soluzione disponibile per l’utenza, ma dovrebbe arrivare entro l’anno in corso , è stato sviluppato in collaborazione e sviluppo congiunto con i tecnici di Netapp , che dispone di una soluzioni di provisioning che lavora sul software di Vmware. I nuovi prodotti che Netapp rilascerà nel corso dell’anno si inseriranno nel trend di mercato che vede la virtualizzazione dello storage e la sua automazione come una delle richieste più impegnative ai vendor da parte dell’utenza.

A livello di hardware un altro trend è quello dell’inserimento di drive Ssd nelle unità di storage. “Qui —continua Koenig – Netapp ha un punto di vista che non corrisponde a quello di altri vendor. Tenendo conto che i drive Ssd sono veloci, ma anche costosi e meno affidabili al momento dei dischi normali, Netapp propone di utilizzarli come memoria cache nello strato di gestione della virtualizzazione delle risorse di storage”.

Si tratta per Koenig di una delle modalità più interessanti per rendere il cloud computing più efficiente attraverso tecniche di virtualizzazione che si applicano soprattutto ai grandi database distribuiti di Oracle e Sap.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore