Netscape prossimo alla fine?

Aziende

America Online ha tagliato 50 ingegneri e sviluppatori dal team di sviluppo del Netscape, ha dichiarato un portavoce mercoledì scorso.

Come riporta un articolo di Reuters, i tagli rappresentano meno del 10% del campus Californiano di Mountain View di AOL, sede di Netscape e del team di sviluppo e programmazione web della compagnia. La decisione è stata presa meno di due mesi dopo la dichiarazione, da parte di AOL, di voler utilizzare Internet Explorer di Microsoft, per sette anni, secondo l’accordo stipulato nell’ambito delle pendenze con Microsoft. Tale accordo, in base al quale Microsoft ha deciso di distribuire il servizio online di AOL, solleva nuovamente la questione della sopravvivenza di Netscape. A metà degli anni 90, Netscape deteneva il 90% del mercato dei browser. Fu presto però spodestato dal suo piedistallo quando Microsoft introdusse Explorer nel proprio sistema operativo. Anche AOL, che acquistò Netscape alla fine del 1998, ha cominciato ad utilizzare Explorer come browser ufficiale. Andrew Weinstein, portavoce di AOL, ha dichiarato che la compagnia intende continuare a supportare Netscape, che resta una divisione importante nonostante i tagli. Weinstein ha spiegato che alcuni di questi dipendenti verrano assunti dalla Mozilla Foundation, gruppi di sviluppatori indipendenti che promuove lo sviluppo, l’adozione e la distribuzione del browser open source (Mozilla è il motore alla base di una serie di altri navigatori indipendenti). AOL ha dichiarato che contribuirà al progetto della Mozilla Foundation con una donazione di 2 milioni di dollari nei prossimi due anni. Offrirà alla fondazione anche nomi di dominio, marchi di fabbrica e relative proprietà intellettuali per favorirne il lancio.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore