Network televisivi chiedono incentivi fiscali per passare al digitale

Network

Negli Stati Uniti, la Paxson Communications e altre aziende del settore televisivo chiedono alla Casa Bianca di rinunciare ad alcune imposte come ulteriore incentivo al cambio dallanalogico al digitale

Il governo americano vuole che siano i network a prendere liniziativa in modo da mettere allasta le frequenze tra la compagnie interessate a offrire servizi avanzati per telefonia mobile. Lowell Paxson, la cui compagnia possiede 17 emittenti, ha detto questa settimana di aver incontrato già per tre volte funzionari della Casa Bianca per discutere sulla transizione dallanalogico al digitale, e che si recherà ancora a Washington con altri dirigenti del settore per continuare a discuterne. Vogliono che lanalogico sia abbandonato del tutto, ma non lo faremo se non avremo degli incentivi adeguati fino al 2006, o fin quando non si raggiungerà la soglia dell85% di copertura, afferma Paxson in unintervista di questa settimana, durante la convenzione della National Association of Broadcasters, dicendo di avere già ottenuto ladesione di più del 60% dei network. Il punto per la Casa Bianca è sapere se i nostri compensi debbano o no essere tassati. Quello che noi chiediamo è una minore pressione fiscale, dice Paxson. La Federal Communications Commission, che metterà allasta le frequenze rimaste libere, ha incoraggiato i network e le compagnie di telefonia mobile a trovare autonomamente degli incentivi per passare al digitale. Negli Stati Uniti, i network che occupano i canali dal 52 al 69 dovrebbero passare al digitale entro il 2006, o quando le TV digitali abbiano coperto l85% del mercato americano, ma si pensa che questa data non sia realistica, particolarmente se si pensa ai costi elevati delle nuove apparecchiature TV i network non si sentono incentivati a cambiare, rendendosi conto di avere poco pubblico in grado di accedere alle trasmissioni nel nuovo sistema.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore